lunedì 26 dicembre 2011

On 07:41 by Sa Defenza TM   No comments

badbankdi Pino CabrasMegachip.
Solo gli illusi, purtroppo ancora tanti e inguaribili, potevano sperare che il recente inserimento delle punte di diamante di Goldman Sachs nel cuore della sfera pubblica europea – Draghi, Monti e Papademos - non si sarebbe tradotto in una cuccagna per le banche e in una rovina per le classi medie.
Nessuno però arrivava a pensare che i protagonisti potessero essere così spudorati.
Ma finché avremo presidenti come Napolitano e copertine dell’Espresso che fanno di Napolitano “l’uomo dell’anno”, lo scandalo sarà sopito e troncato. Cos’è successo?
Mettiamola così. Ci viene imposto uno “stato di eccezione” che – dicono – deve “cambiare tutto”: niente di quanto abbiamo è acquisito, e ogni nostra sicurezza sociale deve poter precipitare dalla sera al mattino, per salvarci.
Viceversa, nessuna urgenza può scalfire le regole immutabili della Banca Centrale Europea. Ci descrivono il sacro.
E il sacerdote Mario Draghi lo ripete: non può prestare soldi agli Stati, non può comprare i buoni del Tesoro. Il debito non può essere ingoiato in modo diretto dalla sua moneta creata dal nulla. Può esserlo però in un modo indiretto, ad esempio prestando mezzo trilione di euro alle banche, affinché queste corrano ad acquistare i buoni dei PIIGS, maledetti maiali-cicala. Con l’idea che le banche paghino alla BCE un tasso dell’1%. E che gli Stati paghino alle banche interessi ben più corposi, fino al 7% e oltre: lucro per le banche, tagli per lo stato sociale, insostenibilità economica. L’Italia di Monti e Napolitano, insomma. L'Europa di Draghi.
Ma è possibile che nessuno si ribelli a questo controsenso? Cioè all’assurdità di essere impiccati al profitto preteso da chi dovrebbe solo fallire (se il famoso mercato esistesse davvero)?
Nel mondo alla rovescia ci dicono invece che non può esistere una cosa che funzionerebbe in modo più semplice e ci toglierebbe il cappio dal collo: da Francoforte potrebbero prestare quel mezzo trilione direttamente agli Stati, a tassi di interesse bassissimi. Agli Stati sarebbe risparmiato l’affanno di procacciarsi quella provvista sui mercati offrendo tassi d’interesse elevatissimi (insostenibili anche per un’economia in boom, figuriamoci per una in recessione). Lo spettro del default imminente e lo spettro dei rating sarebbero così debellati, e senza chiamare i ghostbusters. Specie se questi ghostbusters, i banchieri, sono essi stessi dei morti viventi, in termini di credito. Alle casseforti di Francoforte – per loro prodighe - le banche non hanno infatti da offrire granché in garanzia, se non “collaterals” buoni per pulirsi il culo. Ma Draghi non solleva nemmeno un sopracciglio.
E nemmeno Monti, che si è premurato di controgarantire la loro papiraglia - scoperta come una cabriolet - con un impegno del governo italiano.
È come la guerra: mentre nell’ordinamento civile la regola è non uccidere, in guerra è l’opposto. Allo stesso modo, la guerra dei signori banchieri mette in pratica comportamenti che normalmente sarebbero sanzionati con leggi penali. Per lorsignori, niente manette della guardia di finanza, il rischio è semmai di diventare uomini dell’anno.
E se tanto mi dà tanto, il quadro delle garanzie messo in moto dal governo Monti, lungi dal far calare il debito, lo ha incrementato, perché quel che dovevano garantire le banche lo garantiamo noi, in aggiunta a quanto già ci strozzava. Congratulazioni.
È il capolavoro di un’ideologia apparentemente anti-statalista, che arriva all’assurda intransigenza di non prestare a basso interesse agli Stati (le regole sacre della BCE), perché troppo comodo, troppo poco liberista. Ma che prevede che lo Stato copra tutte le acrobazie speculative terminali dei superfalliti.
Poi è successo che dall’Eurotower un fiume di liquidità si è dovuto ugualmente riversare a comprare titoli di stato lungo la sponda sud dell’Euro: le banche non si stanno scapicollando per acquistarli. Se il lupo non perde il vizio, punteranno ancora a qualche alchimia derivata per imbellettare i propri attivi, mostrarsi apparentemente più solvibili, e chiedere ancora più soldi, perché mezzo trilione di euro è ancora poco per le loro voragini.
Come a dire: i mercati non sono mercati. Siamo allo statalismo più assistenziale e classista che si sia mai visto, riverniciato con un’ideologia liberista. Centinaia di milioni di individui e famiglie, milioni di storie, intere classi, interi insediamenti sociali costruiti nel corso di generazioni, dovrebbero essere sacrificati al più costoso, inutile e disordinato programma assistenzialistico della storia, volto a salvare l’attuale assetto della finanza.
Le banche, il cui mestiere sarebbe assistere con prestiti e affidamenti chi investe sul futuro, non sganciano più nulla e anzi sono foraggiate. Una mostruosità.
L’obiezione che il denaro facile ha spinto gli Stati a indebitarsi troppo può essere abbattuta da una contro-obiezione: e il denaro facile elargito alle banche non le spinge forse a debiti che sono perfino multipli di quelli degli Stati? E c’è di peggio. Gli Stati, ormai colonizzati dai banchieri, coprono esattamente quel superdebito con garanzie che nessuno giustificherebbe a cuor leggero, se non Letta Letta.
Nel 2012 le scommesse impossibili appariranno nude: come calcola Aldo Giannuli, «nell’anno prossimo, fra titoli sovrani, obbligazioni di enti pubblici minori, corporate bond (debiti d’impresa), obbligazioni bancarie, scadono titoli per 11.000.000.000.000 (undicimila miliardi) di dollari. Faccio grazia degli spiccioli. Ve l’ho scritto con tutti i 12 zeri per farvi apprezzare la cifra in tutta la sua imponenza: si tratta di poco meno di un sesto del Pil mondiale e di circa l’11% dell’intero debito mondiale.»
Non saranno i giochetti degli ometti di Goldman Sachs che potranno salvarci dal debito. Prima ricollocheremo i loro comportamenti nell’ambito del penale, prima avremo speranza di risorgere.

mercoledì 21 dicembre 2011

On 11:15 by Sa Defenza TM   No comments

http://www.repubblica.it/scienze/2011/12/21/news/virus_aviaria_pubblicazioni_scientifiche-26990966/

Due esperimenti in Olanda e Usa documentano l'alterazione in laboratorio dell'agente patogeno, molto contagioso e potenzialmente pericoloso per l'uomo. Una commissione governativa americana chiede di censurare parte dei dati, pubblicando solo le conclusioni, nel timore di un possibile uso terroristico dell'informazione. E nella comunità scientifica scoppia il caso


DA UNA parte il diritto ad essere informati, dall'altro il pericolo che l'informazione, decisamente sensibile, possa finire in mani sbagliate con conseguenze potenzialmente catastrofiche. A far scoppiare il caso è stata l'irrituale richiesta di censura da parte di una commissione che fa capo al governo statunitense a due riviste scientifiche del calibro di Science e Nature. Il National Science Advisory Board for Biosecurity - creato ad hoc dopo l'emergenza antrace - sulla scia della preoccupazione per un possibile utilizzo terroristico dei dati, ha chiesto ai direttori delle due prestigiose pubblicazioni di non divulgare parte dei dettagli di due studi sperimentali che documentano la realizzazione di un "supervirus" dell'influenza aviaria ottenuto in due laboratori, negli Stati Uniti e in Olanda.

La notizia sulla realizzazione dell'agente patogeno, aggressivo come l'H5N1 ma molto più contagioso tanto da essere definito peggiore dell'antrace, nella comunità scientifica circolava gia da qualche tempo e aveva già suscitato polemiche. Che sono aumentate dopo l'intervento dell'organo consultivo ufficiale Usa, i National Institutes of Health: le conclusioni della ricerca possono essere pubblicate, "ma non i dettagli sperimentali e i dati che potrebbero rendere possibile una ripetizione degli esperimenti di laboratorio", è scritto nella raccomandazione inviata alle riviste.

E' la prima volta in assoluto che succede, ricorda il New York Times. Se è vero che
il parere della commissione non è vincolante, i direttori delle due principali riviste scientifiche mondiali hanno fatto sapere che "prenderanno in seria considerazione l'avvertimento a patto che si studi un modo per far arrivare le informazioni agli scienziati che ne dovessero aver bisogno", riporta il quotidiano statunitense. La giustificazione degli scienziati per aver creato il supervirus è infatti quella di poter permettere agli esperti di tutto il mondo di prepararsi in anticipo ad un'eventuale nuova pandemia più aggressiva delle precedenti.

Secondo gli esperti governativi la pubblicazione dei dettagli potrebbe risultare particolarmente interessante per i bioterroristi. L'alterazione del virus messa a punto in laboratorio ha "maggiori potenzialità di essere contagiosa per l'uomo", avverte l'organo Usa. Da qui la richiesta di togliere "i dettagli sperimentali e i dati sulla mutazione che permetterebbero la replica degli esperimenti".

Se gli autori delle pubblicazioni e molti altri colleghi difendono il diritto della comunità scientifica ad essere informata dei progressi della ricerca, l'Nih replica che farà in modo che tali informazioni siano disponibili per gli esperti con le dovute credenziali. Il sistema, spiega Anthony Fauci alla Bbc, sarà messo a punto prima della prevista pubblicazione degli studi, a gennaio. Ma se Science e Nature decidessero di procedere con la pubblicazione completa, senza censure, ammette, non sarebbe possibile fermarli.

giovedì 15 dicembre 2011

On 07:04 by Sa Defenza TM   No comments

zret

Giuseppe Flavio (Gerusalemme, 37 o 38 d.C., Roma dopo il 103 d.C.) è il noto storico ebreo. Di ricca famiglia sacerdotale, partecipò alla guerra giudaica: nel 67 fu catturato da Tito Flavio Vespasiano che lo trattò benignamente per poi liberarlo. Per riconoscenza, Giuseppe assunse il soprannome di Flavio. In Palestina con Tito fu testimone della presa di Gerusalemme. Accompagnò poi Tito nell’Urbe dove visse per il resto della sua vita. Giuseppe Flavio si prefisse con le sue opere di promuovere nel mondo ellenistico e romano la conoscenza della realtà ebraica. Scrisse la “Guerra giudaica” in sette libri prima in aramaico poi in greco, mettendo a frutto la sua cognizione diretta dei fatti. Di più largo respiro sono le “Antichità giudaiche” in venti libri, in greco, in cui è ripercorsa la storia dei Giudei dalle origini ai tempi della rivolta, attingendo a fonti ormai scomparse. Nei due libri “Contro Apione”, un grammatico alessandrino che si era pronunciato contro gli Ebrei, riprese i motivi tradizionali dell’apologetica giudaica sull’antichità e la superiorità degli Ebrei rispetto ai Greci. Nell’”Autobiografia” integrò alcune parti delle “Antichità”.

Lo storico, nel VI libro della “Guerra giudaica”, nel corso della narrazione degli eventi, che si snodano dal dal 60 al 70 d.C., indugia su alcuni episodi sbalorditivi occorsi prima del conflitto conclusosi con l’espugnazione di Gerusalemme per opera dei Romani. La morsa attorno al tempio di Salomone ed agli edifici circostanti, in cui resistono i combattenti messianisti, si stringe sempre più. La situazione per gli assediati è ormai disperata: le legioni di Tito attaccano in massa, scorrono fiumi di sangue, i cadaveri dei ribelli si ammucchiano nelle strade, mentre le fiamme avvolgono il santuario.

Giuseppe Flavio attribuisce la débâcle dei ribelli a fanatismo e sprovvedutezza nonché alla predicazione di profeti mendaci. Secondo l’autore, i suoi correligionari avevano ignorato o interpretato in maniera distorta alcuni prodigi che avrebbero dovuto stornarli dal prendere le armi contro i Romani.

''A causare la loro morte fu un falso profeta che in quel giorno aveva proclamato agli abitanti della città che il Dio comandava loro di salire al tempio per ricevere i segni della salvezza. E in verità allora, istigati dai capi ribelli, si aggiravano tra il popolo numerosi profeti che andavano predicando di aspettare l'aiuto del Dio e ciò per distogliere la gente dalla diserzione e per infondere coraggio a chi non aveva nulla da temere da loro e sfuggiva al loro controllo. Nella disgrazia l'uomo è pronto a credere e, quando l'ingannatore fa intravedere la fine dei mali incombenti, allora il misero s'abbandona tutto alla speranza. Così il popolo fu allora abbindolato da ciarlatani e da falsi profeti, senza più badare né prestar fede ai segni manifesti che preannunziavano l'imminente rovina.

Quasi fossero stati frastornati dal tuono ed accecati negli occhi e nella mente, non compresero gli ammonimenti del Dio, come quando sulla città apparvero un astro a forma di spada ed una cometa che durò un anno o come quando, prima che scoppiassero la ribellione e la guerra, essendosi il popolo radunato per a festa degli Azzimi nell'ottavo giorno del mese di Xanthico, all'ora nona della notte l'altare e il tempio furono circonfusi da un tale splendore che sembrava di essere in pieno giorno ed il fenomeno durò per mezz'ora. Agli inesperti sembrò di buon augurio, ma dai sacri scribi fu subito interpretato in conformità di ciò che accadde dopo.

Durante la stessa festa, una mucca, che un tale menava al sacrificio, partorì un agnello in mezzo al sacro recinto; inoltre la porta orientale del tempio, quella che era di bronzo e assai massiccia, sì che la sera a fatica venti uomini riuscivano a chiuderla e veniva sprangata con sbarre legate in ferro e aveva dei paletti che si conficcavano assai profondamente nella soglia costituita da un blocco tutto d'un pezzo, all'ora sesta della notte fu vista aprirsi da sola. Le guardie del santuario corsero a informare il comandante che salì al tempio e a stento riuscì a farla richiudere. Ancora una volta questo parve agli ignari un sicurissimo segno di buon augurio, come se il Dio avesse spalancato a loro la porta delle sue grazie; ma gli intenditori compresero che la sicurezza del santuario era finita di per sé e che l'aprirsi della porta rappresentava un dono per i nemici e pertanto interpretarono in cuor loro il prodigio come preannunzio di rovina.

Non molti giorni dopo la festa, il ventuno del mese di Artemisio, apparve una visione miracolosa cui si stenterebbe a prestar fede; e in realtà, io credo che ciò che sto per raccontare potrebbe apparire una fola, se non avesse dauna parte il sostegno dei testimoni oculari, dall'altra la conferma delle sventure che seguirono.

Prima che il sole tramontasse, si videro in cielo su tutta la regione carri da guerra eschiere di armati che sbucavano dalle nuvole e circondavano le città. Inoltre, alla festa che si chiama la Pentecoste, i sacerdoti che erano entrati di notte nel tempio interno per celebrarvi i soliti riti riferirono di aver prima sentito una scossa e un colpo e poi un insieme di voci che dicevano: 'Da questo luogo noi andiamo via'''.

mercoledì 23 novembre 2011

On 10:29 by Sa Defenza TM   No comments

The Coming European Superstate That Germany Plans To Cram Down The Throats Of The Rest Of Europe


The economic collapse
tradutzioni M.F.

The Coming European Superstate That Germany Plans To Cram Down The Throats Of The Rest Of Europe


Molti non hanno ben capito cosa intendesse la cancelliera tedesca Angela Merkel quando ha recentemente affermato che la soluzione definitiva alla crisi finanziaria nell’Unione Europea sarebbe stata «più Europa e non meno Europa». Beh, adesso lo abbiamo scoperto: una comunicazione interna del governo – sfuggita – intitolata: Il futuro dell’UE: Richiesti aumenti delle integrazioni politiche per la creazione di una ‘Unione nella stabilità’, propone di fatto la creazione di un Fondo Monetario Europeo al quale verrà affidato il potere di guidare le economie delle nazioni in difficoltà. Questa «Unione nella stabilità», sarà seguita rapidamente dalla creazione di una «unione politica».

Stato europeo da far accettare a forza dal resto dell’Europa, piaccia o no. La sovranità nazionale sarà una cosa del passato ed i burocrati europei condurranno tutto. Naturalmente i popoli europei non accetterebbero mai una simile soluzione, perlomeno non fino a quando non sentiranno il morso doloroso dell’imminente collasso finanziario. Già ora però possiamo intravedere un chiaro piano in quello che i tedeschi vogliono realizzare nell’immediatezza della crisi che arriva.

Molti già ipotizzano che se in Europa ci sarà un grosso crollo finanziario, insieme a quello dell’euro, questo significherà la fine dell’euro stesso e dell’Unione Europea. Questo però non è assolutamente quanto progettato dalla Germania.

Un articolo sul Telegraph, dettaglia quel memo interno al governo tedesco che è sfuggito. È veramente sorprendente vedere che ai più alti livelli del governo tedesco si discuta di una unione politica europea pienamente matura...

Il memo di sei pagine – del ministero degli Esteri tedesco – sostiene che le potenze economiche europee dovrebbero poter intervenire nel merito del come vengano governati i Paesi problematici dell’eurozona. Il documento confidenziale mostra il piano tedesco per affrontare la crisi del debito dell’eurozona tramite la creazione di una «Unione di stabilità» che sarà «immediatamente seguita da mosse» dirette verso una unione politica. Il che suscita le preoccupazioni che i piani tedeschi per la crisi possano portare ad un super Stato europeo i cui criteri di spesa e di tassazione siano decisi a Bruxelles.

Potete immaginarvi che razza di Europa verrà fuori da simili piani? La sovranità nazionale sarà una cosa del passato.

In un altro articolo del Telegraph, è detto che nel «memo sfuggito» si propone che sia istituito immediatamente un «fondo monetario europeo» al quale conferire il potere di prendere in mano e dirigere le economie delle nazioni che sono troppo indebitate. Ma, sempre secondo tale memo, questo non sarebbe che un passo intermedio verso la piena «unione politica»...

Il memo di sei pagine – del ministero degli Esteri tedesco – predispone i piani per il Fondo Monetario Europeo, insieme al trasferimento della sovranità nazionale fuori dagli Stati membri. Il fondo avrà il potere di indurre le nazioni in difficoltà ad accoglierlo, e quindi a dirigere le loro economie. In modo ancora più controverso il documento, intitolato Il futuro dell’Unione Europea richiede il potenziamento delle politiche per la creazione di una Unione di Stabilità, sostiene che un primo passo è costituito dal cambiamento dei trattati «nel quale (primo passo) l’Unione Europea deve evolversi in una unione politica». «Il dibattito sul percorso che porta all’unione politica deve iniziare non appena sia calendarizzato il procedere verso l’Unione di stabilità», così conclude.

Al peggiorare della crisi europea, i tedeschi sono diventati più aggressivi ed il Cancelliere Angela Merkel è diventata il politico più importante in Europa e per reazione alla crisi ha preso in mano la situazione. Come ho già scritto in precedenza, si è molto sentito dire che il presidente francese Nicolas Sarkozy ed il cancelliere tedesco Angela Merkel stessero «complottando segretamente» per creare una «nuova eurozona» destinata a cambiare il modo col quale è governata l’Europa.

Per esempio, quello che segue è tratto da un articolo recentemente pubblicato sul Telegraph:

La Francia sta mettendo a punto dei piani per creare un’organizzazione dissidente di Paesi europei con il proprio trattato, il proprio parlamento ed i propri quartier generali, una mossa che potrebbe minare significativamente l’Unione Europea.

In quello stesso articolo si parla dei risultati che Francia e Germania sperano di ottenere grazie a quanto sopra...

Francia e Germania desiderano rinforzare l’unione fra i Paesi dell’eurozona con nuove tasse e misure legali che, in futuro, impediscano alle nazioni di fare troppi debiti e troppe spese.

Naturalmente è importante osservare che, per il momento, i popoli europei non potranno aderirvi in nessun modo. Ma dopo aver vissuto per un po’ i dolori di un grosso crollo finanziario, non cambieranno modo di pensare?

Quello che è chiaro è che la situazione attuale non durerà a lungo: qualcosa dovrà cambiare. Sfortunatamente, Germania e Francia sembrano decise a spingere il resto dell’Europa alla creazione di un super Stato europeo. Se volete farvi un’idea di cosa stia accadendo in Europa proprio adesso, basta che andiate a vedere questo video che tratta di un discorso recentemente – 16 novembre 2011 – tenuto da Nigel Farage al Parlamento Europeo. Fidatevi, vale quel paio di minuti che servono per vederlo.

Ad ogni modo, prima che in Europa si verifichino questi fondamentali cambiamenti strutturali, dovremo vedere verificarsi un colossale collasso finanziario. Ad ogni giorno che passa, ci sono più segni che le cose stiano accavallandosi rapidamente; ecco alcune delle novità degne di nota emerse in Europa nelle ultime settimane:

- Violenti scontri fra contestatori e Polizia in Italia dopo che Mario Monti ha reso noto il suo programma di austerità. Per rendersi conto di come la situazione in Italia stia peggiorando, date un occhio a questo video.


- Esattamente come è accaduto in Grecia alla diffusione del piano di austerità, sembra che ora anche l’Italia punti decisamente verso la recessione. Nel mese di settembre, gli ordinativi del settore industriale italiano sono calati dell’8,5%. Queste sono vere brutte notizie.

- Il Fondo di Stabilità Europeo è stato costretto ad acquistare grossi quantitativi di propri bonds, il che è un brutto trucchetto.

«Nelle ultime settimane sono state declassate dozzine di grosse banche di tutta Europa. Di recente anche tedesche. L’altro giorno, Moody’s ha declassato 10 delle principali banche tedesche».

Un numero crescente di persone che operano nel settore finanziario incomincia ad essere veramente sconvolto da quello che sta accadendo. Ecco quanto Mark Mobius, capo dell’Ufficio Mercati Emergenti della Templeton Asset Management, ha detto di recente...

«Non c’è dubbio che ci sia un’altra crisi dietro l’angolo, non abbiamo risolto nessuna delle cause della crisi precedente».

Willem Buiter, capo economista di Citigroup, è convinto che se non si farà qualcosa molto rapidamente, in Europa ci sarà un crollo finanziario in brevissimo tempo...

«Il tempo scorre veloce, penso che sia questione di pochi mesi – ma potrebbero essere poche settimane o pochi giorni – prima che ci sia il rischio concreto di fallimenti, assolutamente non necessari, di Paesi quali Spagna ed Italia; fallimenti che aprirebbero una voragine finanziaria dentro la quale precipiterebbe tutto il sistema bancario europeo e con esso l’America del Nord. Pertanto, devono agire ora».

Ann Barnhardt, del Barnhardt Capital Management, ha di fatto chiuso la sua azienda perchè non poteva più garantire che il denaro investito dai propri clienti nei mercati dei futures e delle options, fosse al sicuro.

Qui sotto troverete degli ampi estratti della lettera aperta che ha recentemente reso pubblica. Di solito io non pubblico estratti così ampi, ma in questo caso ritengo che sia il caso. Quanto scritto dalla Barnhardt dovrebbe suonare come una sveglia per tutti noi. È una boccata di aria fresca – anche se susicta una certa paura – il leggere delle oneste dichiarazioni sulla corruzione del mondo finanziario che provengano da qualcuno che ben conosce quel mondo. Quello che segue è l’inizio della sua lettera...

«È con rammarico e con una risoluta certezza morale che annuncio che la Barnhardt Capital Management ha terminato il proprio operare. Dopo sei anni di lavoro quale broker indipendente, ed otto anni precedenti di brokeraggio, questa mattina, per la prima volta da quando avevo 20 anni, guardo i mercati dei futures e delle opzioni da semplice osservatrice e non da partecipante.

La ragione di questo mio staccare la spina è atrocemente semplice: non posso più dire ai miei clienti che il loro denaro ed i loro investimenti nei mercati di futures ed options sono al sicuro, perchè non lo sono. Questo non vale solo per i miei clienti, ma per qualsiasi posizione in futures ed options negli Stati Uniti. L’intero sistema è stato distrutto dal crollo della MF Global. Data questa triste realtà, in coscienza non posso più andare avanti come broker mobiliare, non posso sollecitare transazioni che so essere incerte o tenere in mano fondi che so essere in difficoltà».

Allora, come è successo che il crollo della MF Global abbia fatto naufragare il sistema? La Barnhardt prosegue e spiega...

«I mercati dei futures sono fortemente surmoltiplicati, il che richiede una solida base sulla quale operare. Tale base era costituita dalla sacrosanta separazione fra i fondi dei clienti e quelli degli istituti operatori, con dei fondi finanziari di sostegno di emergenza forniti dagli stessi operatori di intermediazione. Fino a poche settimane fa, quella base c’era, ed aveva funzionato senza falle. Sorgevano nuovi operatori, altri sparivano, altri saltavano per aria in modi spettacolari, ma ogni qualvolta un operatore saltava, le posizioni dei clienti rimanevano intatte, gli scambi si fermavano – ed ogni transazione con essi – ed i clienti erano liquidi al 100% anche se l’operatore saltava, perchè, nel sistema, veniva rimpiazzato da un altro operatore.

Solo poche settimane fa, la situazione è cambiata: un istituto operatore, guidato da un ‘compare’ del regime Obama, ha rubato tutta la liquidità – depositata dai clienti presso l’istituto stesso – che non fosse in carico a copertura delle operazioni mobiliari. Vediamo di non rendere la cosa troppo complicata ed astratta usando termini per iniziati o super-tecnici: ha commesso un crimine bello e buono. Jon Corzine ha rubato i contanti dei clienti della MF Global, Conosco Jon Corzine, conosco l’abbietta ignoranza della legge ed il disprezzo per l’umanità che caratterizza il regime di Obama e dei suoi ‘compari’, quindi non è una vera sorpresa. Quanto è stato una sorpresa è stata la reazione degli organi competenti per i regolamenti e le transazioni: la loro reazione è consistita nel prendere una cattiva situazione e renderla ancora peggiore. In pratica, hanno reso indisponibili i conti ai rispettivi clienti, mentre i mercati continuavano gli scambi, rifiutandosi di permettere loro anche il solo liquidare le proprie posizioni. Il che è incomprensibile. Si è così venuto a creare un precedente di esposizione al rischio che è completamente intollerabile e che ha distrutto l’intero paradigma del sistema. Nessuna persona informata può continuare ad operare in simili mercati, e nessuna persona con una moralità può continuare ad operare invitando i clienti a compiere transazioni in quello che ora altro non è che un gigantesco gioco della Roulette Russa».

Quello che spaventa di più, però, è che la Bernhardt dice che il crollo della MF Global non è che «la punta dell’iceberg» e che ragionevolmente stanno per accadere crolli analoghi...

Nell’ultima settimana mi sono resa conto che l’MF Global è quasi certamente solo la punta dell’iceberg. C’è una grande esposizione del sistema al debito sovrano spazzatura europeo. Benchè gli altri operatori non dovrebbero essere su posizioni così surmoltiplicate come la MF Global di Corzine – attualmente si ritiene che avesse surmoltiplicato 100:1 – si trovano comunque su posizioni sovraesposte a livelli da suicidio, e nei prossimi giorni e nelle prossime settimane – a fronte dell’inevitabile crollo dell’Europa – potrebbero dover far fronte ad obbligazioni collaterali insostenibili. Sospetto che il motivo per il quale la Chicago Mercantile Exchange non è immediatamente intervenuta per mettere un freno all’implosione della MF Global, risieda nel fatto che sapevano, e sanno, che se lo avessero fatto avrebbero poi dovuto farlo per tutti quegli operatori che prevedono falliranno uno dopo l’altro – nel qual caso il sistema semplicemente non ha soldi abbastanza. In breve, il problema è un problema di sistema e non di questo o quell’operatore.

Dunque, che cosa dice la Barnhardt che noi tutti dovremmo fare? Di fatto, raccomanda che tutti abbandonino i mercati dei futures e delle opzioni...

e quindi, eccoci al punto cruciale della questione: i mercati dei futures e delle opzioni non sono più attendibili. Raccomando che tutti i clienti si ritirino prima possibile da tali mercati in modo da aver il massimo di probabilità di proteggere se stessi ed i propri investimenti azionari. Il sistema non sta più funzionando con integrità ed è suicidalmente pieno di rischi. Non esiste legalità, che è stata rimpiazzata da una consorteria politica criminale e senza dio.


Ricordatevelo: poche settimane fa vi avevo messo in guardia dell’arrivo di un grossa crisi dei derivati. Chiunque stia attualmente operando sui derivati, gioca con il fuoco. La Barnhardt dice che non riaprirà il suo studio finchè Barack Obama non lascerà la presidenza e finchè non saranno realizzate delle riforme sostanziali del sistema finanziario...

«Infine, non prenderò in considerazione in nessun caso la riapertura della Barnhardt Capital Management, o di qualsiasi altra attività di brokeraggio, finchè Barack Obama non sarà rimosso dal suo incarico ed il governo degli Stati Uniti non sarà stato sufficientemente riformato – ed occupato da volti nuovi – da ristabilire la mia totale e completa fiducia nel governo, nella sua adesione alla legge e la sua volontà di farla rispettare, nella sua competente e giusta supervisione e regolamentazione del mercato azionario che avrà riformato. Ma finchè rimarrà questo governo criminale, non avrò nessun motivo per ripristinare la mia attività di brokeraggio perchè in un ambiente privo di leggi (è naturale che) si ripresenterebbe la medesima attività di rapina e di frode ed i criminali rimarrebbero impuniti e protetti dall’oligarchia, criminale essa stessa.

Siamo sull’orlo di una crisi finanziaria che potrebbe potenzialmente essere tanto brutta (ma anche peggiore) quanto quella del 2008. Proprio in questo momento, il 2012 si presenta come un anno molto, molto brutto.

Come ho già detto in precedenza, quando i capi europei hanno proposto che i possessori privati di titoli greci dovessero sostenere una perdita del 50%, hanno pesantemente minato la fiducia nel sistema finanziario europeo. Ora panico e paura sono nell’aria, ed è poco probabile che i mercati finanziari si calmino rapidamente. Ci sono già i primi segni della tipologia di crollo del credito che quasi ci ha portato, nel 2008, nella fine del mondo dei mercati finanziari. Per esempio, un articolo della CNBC postato venerdì, riferisce che in Europa il flusso di credito si stia rapidamente prosciugando...

Venerdì, la paura circa l’esposizione delle banche europee ai rischi sovrani ha turbato i mercati ed allarmato i direttori delle banche, insieme all’evaporare dell’attività fra banche di prestiti senza garanzie ed al salire del costo per garantire i prestiti.

Una cosa simile, sta iniziando a succedere anche negli Stati Uniti, come trattato in un recente post su Zero Hedge...

L’intero mercato del finanziamento in dollari è ora a livelli che non si vedevano dai tempi del crollo Lehman, e si ritrova di fatto congelato. La differenza è che questa volta è molto, molto peggio, perchè mai prima d’ora si era presunto od implicato che il gruppo scelto delle Banche Centrali mondiali agisse da argine al crollo della liquidità globale, liquidità che attualmente è serrata come mai prima nella storia dei mercati di capitali.

Dunque che possiamo fare? Dovremmo metterci in azione e prepararci per quanto sta arrivando, sfortunatamente un numero crescente di americani sembra invece essere impegnato a lasciarci la pelle: stando ad un recente sondaggio Gallup, il consumo di alcool negli Stati Uniti ha raggiunto il suo massimo in 25 anni; nella fascia di età sopra i 12 anni, più di un americano su dieci è in cura con antidepressivi; la maggior parte delle famiglie americane passa ore interminabili davanti alla televisione cercando di fuggire dal dolore e dalla frustrazione che prova costantemente.

Fortunatamente, agendo insieme possiamo aiutare più americani – ed anche più europei – a risvegliarsi, ad alzarsi dai loro divani, ad intraprendere della azioni in modo positivo. Il tempo sta finendo e la crisi economica sta peggiorando rapidamente. Non c’è tempo da perdere.

domenica 20 novembre 2011

On 08:27 by Sa Defenza TM   No comments



http://www.zerohedge.com/news/mike-krieger-exposes-three-card-monti
 by Tyler Durden
tradutzioni de M. F.

La lunga giornata di Mario Monti

  

Questo non è il governo dei poteri forti. Mario Monti alza il volto dai fogli di appunti e si rivolge al Senato per rassicurare «totalmente» chi avesse ancora dei dubbi: dietro alla nascita dell’esecutivo non ci sono «complotti internazionali o poteri forti o superpotenze». C’è semmai la fiducia che gli ha voluto accordare il presidente della repubblica, che ha agito per il bene del Paese «con saggezza, perizia e senso dello Stato». (fonte >  www.rainews24.rai.it)

«Siamo grati al Washington Post, al The New York Times, al Time Magazine e ad altre pubblicazioni a grande tiratura i cui direttori hanno preso parte alle nostre riunioni ed hanno rispettato l’impegno alla riservatezza per quasi quarant’anni. Sarebbe stato per noi impossibile lo sviluppare il nostro piano per il mondo se in quegli anni fossimo stati sotto i riflettori del dominio pubblico, ma ora il mondo è più sofisticato e pronto a marciare verso un governo mondiale. La sovranità sopranazionale di una cerchia ristretta di intellettuali e di banchieri è certamente preferibile a quella auto-determinazione nazionale che è stata praticata nei secoli passati».

- David Rockefeller

«I gruppi di interessi che stanno dietro all’Amministrazione Bush, quali il CFR, la Trilateral Commission – fondata da Brzezinski per David Rockefeller – ed il Bilderberger Group, hanno predisposto ogni cosa e stanno procedendo alla concretizzazione, nei prossimi cinque anni, di una palese dittatura mondiale. Non stanno combattendo contro i terroristi, stanno combattendo contro i cittadini».

- Dottor Johannes B. Koeppl

«Il Cancelliere Angela Merkel ha detto che la Germania è pronta a cedere parte della propria sovranità per rinforzare l’euro e ripristinare la fiducia nella moneta comune... ‘La Germania, in questo contesto, riconosce il bisogno di mostrare ai mercati ed al pubblico mondiale che le nazioni dell’euro rimarranno insieme, che l’euro deve essere difeso, ma anche che siamo pronti a cedere un pezzettino di sovranità nazionale’, questo ha detto la Merkel. La Germania vuole un’Unione Europea forte ed un euro ‘a 17 Paesi membri che sia altrettanto forte e che ispiri fiducia sui mercati internazionali’».

- Bloomberg, articolo del 16 novembre 2011


Three Card Monti (1)

Proprio come in quell’imbroglio di gioco delle tre carte che da un mezzo millennio permette a dei truffatori coi loro tavolini agli angoli delle strade di sfilare il sudato denaro dalle tasche della gente, Grecia ed Italia – un tempo nazioni sovrane – sono state ora piazzate sotto la tutela di governi tecnocratici e si trovano nella fase finale del saccheggio.

È semplicemente triste vedere queste orgogliose nazioni, le cui storie formano il nucleo più profondo della civiltà occidentale, essere abbattute una dopo l’altra, ma quello che è ancora più nauseante è vedere i guru dei media ufficiali allineati e gli analisti di Wall Street e gli esperti finanziari, applaudire alla notizia perchè è indiscutibilmente un «bene per i mercati».

Per prima cosa, non serve un genio per rendersi conto che nell’attuale struttura economico-politica del mondo occidentale quelli che più fanno danno e casino sono quelli che più fanno carriera.

La ragione principale di tutto ciò risiede nel programma molto impegnativo di quelli che contano e che consiste nell’utilizzare la crisi per consolidare il proprio potere in un unico governo mondiale, guidato da un’unica Banca Centrale mondiale che emetta un’unica moneta mondiale.

Tutti quelli che per decenni ne hanno parlato, sono stati sempre tacciati di essere dei teorici cospirazionisti, ma se guardate a dove siamo arrivati oggi, dovreste essere addormentati per non accorgervi che i bravi ragazzi che comandano sono completamente ed assolutamente decisi a portare a termine un simile piano, per quanto malsano e svitato sembri. Questo è il motivo per il quale il programma procede nonostante le ripetute urla disperate dei cittadini che chiedono di fermarlo.

Diamo un occhio a Mario Monti, questo pacato dittatore che quelli che contano hanno messo a comandare gli italiani: è un membro del Bilderberg Group, è il presidente europeo della Trilateral Commission (un pensatoio creato da David Rockefeller nel 1973; rileggetevi ora la citazione di quel David Rockefeller, in testa all’articolo), ed è consigliere internazionale nientedimenoche della Goldman Sachs.

Questo pacato dittatore è stato messo lì in base ad un piano preciso. Chiunque in Italia, essendosi liberato di Berlusconi, pensi di aver vinto è meglio che ci ripensi: vi hanno tirato addosso la più grossa talpa, il più fidato amicone terrorista finanziario disponibile in circolazione e ve l’hanno messo lì, senza che ne aveste voce in capitolo. Anche per uno come me che queste cose se le aspetta, è disturbante il malo modo con il quale si sono fottuti (letterale nel testo, ndt) l’Italia.

Parlando di questo colpo di Stato silenzioso – ed omesso dalla stampa – ecco un piccolo contributo del mio amico Jared Dillian, del Daily Dirtnap, tratto dal suo odierno articolo:

«Così ho recentemente letto che l’Italia non avrebbe avuto elezioni a causa della ‘crisi dei mercati’ o qualcosa di simile – ed io sono l’ultimo che dovrebbe scriverne – dato che io conosco molto poco dei sistemi politici dei Paesi europei; per esempio, come si indice o non si indice un’elezione? Queste cose non hanno un calendario? Dunque, non so di cosa io stia parlando, ma sono preoccupato perchè Grecia ed Italia hanno scelto di non indire elezioni e di non scegliere i propri capi. La cosa mi preoccupa realmente. Non puoi usare la ‘crisi dei mercati’come scusa per non tenere delle elezioni. Anche se le elezioni richiedono tempo e sono incasinate e – cosa ancora più importante – non produrranno i risultati desiderati, questo è parte del ‘gioco’ della democrazia, e se si sospendono le elezioni con motivazioni simili, allora si possono sospendere le elezioni per qualsiasi motivo. Per esempio, se Mario Monti nascondesse una natura dittatoriale, avrebbero appena messo al potere ‘uno’ che non farà mai più tenere un’elezione. Dunque, questo è un pessimo precedente».


 
Quanto sopra è molto peggio del pessimo precedente come l’ha chiamato correttamente il mio amico Jared Dillian. Dimenticavo, c’è un’altra cosa. Se seguite il mercato dell’oro e vi chiedete come mai sia così debole, smettetela di arrovellarvi: secondo me tutto quello che dovete fare è seguire Mario nel suo gioco delle 3 carte (merito a Gerald Celente per il nomignolo). Se io fossi un chiunque in Italia al quale sta a cuore la situazione, controllerei in continuazione il valore dell’oro: non ho dubbio alcuno che Monti – in nome della stabilità globale e dell’acquisto di titoli sovrani italiani da parte della BCE – farà uscire dalla porta di servizio l’oro italiano, le tonnellate di oro italiano.

Questi affari fuorivia sull’oro – ai danni del popolo italiano – sono già in corso e sono completamente fuori dalle transazioni ufficiali. Come ho già detto molte volte, il motivo per il quale l’Europa non annuncia una soluzione è che non esiste una soluzione. Inoltre lorsignori sanno bene che non appena dovessero annunciare una massiccia monetizzazione, non ci sarebbero più compratori per oro ed argento e la festa sarebbe finita. Questo è anche il motivo per il quale la FED non ha annunciato il Q3 nonostante il desiderio di farlo.

Dunque la strategia consiste nel non comunicare nulla, nel vendere di nascosto oro sovrano dell’Italia e nell’attuare qualsiasi tipo di manipolazione dei mercati, ma al chiuso, dietro le porte. Mentre nella maggior parte delle nazioni le pecore rimarranno totalmente inconsapevoli fino a ben dopo che il saccheggio sarà terminato, per poi essere abbandonate al caos e da ultimo ad una vera dittatura, i capi di nazioni quali la Cina, la Russia – ed altre – sanno esattamente cosa sta accadendo e si accaparreranno con gioia l’oro italiano (e qualsiasi cosa la Grecia non abbia, senza dirlo a nessuno, di già venduto). Sono estasiato dal come i capi vengano fuori con cose del tipo: «Per creare fiducia, dobbiamo fermare la libertà di parola, dobbiamo manipolare i mercati e dobbiamo derubarvi della sovranità».

La cosa peggiore è che la gente, di fatto, ci casca! Su quale caspita mai di pianeta potrà essere che derubarvi, portarvi via la libertà, e comunicarti che tu ed i tuoi figli sarete schiavi per sempre, su quale caspita mai di pianeta, tutto ciò ispira fiducia?

Germania

Come si dice pirla in tedesco? Sono serio, lo voglio sapere, mi riferisco alle parole della Merkel in testa all’articolo. Dico, l’ha scritto per lei David Rockefeller? Adoro come i politici stiano apertamente dando via la sovranità nazionale solo per far salire di 50 punti l’indice S&P500. Mi auguro che i tedeschi, per il loro bene, stiano acquistando l’oro fuorvia di Monti (Three Card Monti’s gold nell’originale; alla lettera: l’oro del gioco delle tre carte di Monti, ndt). Dopo tutto, come ha dichiarato Jim Rickards, non vedranno un grammo di qualsiasi oro saranno così stupidi da depositare a New York. Questo è tutto quello che ho da dire dei tedeschi. Disfati dei vicini (e questo è per te, Francia) od affonda con la nave. Gute Nacht.

Quel Superman di Ben Bernanke

Banana Ben Bernanke è Superman, non lo sapevate? È lui che impedisce che i crolli economici avvengano tutti in un botto solo... ed è vero!!! Non avete sentito del discorso che ha tenuto ai militari a Dallas (che battuta infelice) sì, sì, così ha detto, cito: «Non sono un credente della teoria, da Vecchio Testamento, dei cicli economici. Penso che se possiamo aiutare la gente, dobbiamo aiutare la gente». Buon Dio, quest’uomo è fuori di testa, ed ha la responsabilità della politica monetaria mondiale e delle riserve mondiali di denaro. Che dio te la mandi buona, se non hai dell’oro.

lunedì 7 novembre 2011

On 12:50 by Sa Defenza TM   No comments


Ascolta con webReader
http://3.bp.blogspot.com/-THFtDbTFwtQ/TfcaUwWMtUI/AAAAAAAAFPg/b1k7i71_bRs/s1600/firenze.jpg
Come compagni e compagne di OLGa ribadiamo a tutti i/le prigionieri/e la
nostra più sincera solidarietà. Convinti che il carcere sia un'istituzione di clas-
se funzionale al mantenimento di un ordine sociale iniquo e oppressivo, lo com-
battiamo non certo per abbellirlo ma per disfarcene. Altrettanto convinti però
che esso sia, qui ed ora, strumento di isolamento e di annientamento per
migliaia di prigionieri/e, crediamo sia importante attivarci adesso per soste-
nere le lotte, anche contingenti ed immediate, dei/lle detenuti/e, e rompere l'i-
solamento assassino dello Stato.

PER UNA SOCIETÀ SENZA CLASSI NÉ PRIGIONI!
Milano, novembre 2006
È Ora di Liberarsi dalle Galere (OLGa)
olga2005@autistici.org - http://www.autprol.org/olga/
***

Sul significato dell' opuscolo e per la sua continuità, un appello:
La pubblicazione e la circolazione dell'opuscolo hanno ormai superato i 4 anni.
Lo scopo di questo strumento è quello di rompere l'isolamento, amplificare gli
atti di solidarietà, socializzare informazioni interessanti e utili al dibattito che i
media di Stato boicottano e contribuire così a mantenere un legame tra le lotte
che, da una parte e dall'altra del muro, vengono portate avanti.
Le difficoltà che puntuali vengono avanti ad ogni stesura però ci dicono che per
realizzare quell'importante principio qualcosa deve cambiare. Nei fatti la molte-
plicità e l'estensione degli apporti, il "noi" di chi compie le scelte e la composi-
zione sintetica dei temi e dei testi, di chi segue la corrispondenza, diventano
sempre più esili fino ad impoverire l'opuscolo.
Una per tutte: non si può affidare la comprensione della resistenza opposta dalle
popolazioni aggredite alle invasioni degli stati imperialisti, fatto che determina
la guerra, l'emigrazione, lo scenario della lotta di classe - sistema carcero e pro-
cessuale compresi - entro gli stati aggressori, al banale "taglia-incolla". Così di
sicuro non si contribuisce alla conoscenza delle cause e delle conseguenze della
guerra e non si sviluppano l'internazionalismo e la solidarietà di classe.
Facciamo perciò appello all'impegno concreto di chi sia dentro che fuori,
riuscendo a seguire un determinato tema, a compierne di volta in volta una sin-
tesi adeguata allo scopo dell'opuscolo, può contribuire a confermare l'opuscolo
come momento della lotta comune.

INDICE
NESSUN FUTURO PER LO JEMEN?
INTERVISTA AL PORTAVOCE UFFICIALE DEL GOVERNO LIBICO
DALLA LOTTA DENTRO E CONTRO I C.I.E.
LETTERA DAL CARCERE DI SAN VITTORE (MILANO)
LETTERE DAL CARCERE DI SANREMO (IM)
LETTERA DAL CARCERE DI OPERA (MILANO)
LETTERE DAL CARCERE DI CARINOLA (CE)
UN SALUTO DAL CARCERE TERNI
LETTERA DAL CARCERE DI NUORO
LETTERA DAL CARCERE DI CAGLIARI
COMUNICATO DI UN PRIGIONIERO "SOCIALE" SARDO
LETTERA DAL CARCERE DI REGENSDORF (SVIZZERA)
SOLIDARIETÀ ALLA COMPAGNA ANDI
LETTERE DAL CARCERE DI PRATO
DA UNA LETTERA DAL CARCERE DI VELLETRI (ROMA)
LETTERA APERTA ALLA CITTÀ DI COMO SUL CARCERE BASSONE
NOTE SU AMNISTIA E INDULTO
CALIFORNIA: TERZA SETTIMANA DI SCIOPERO DELLA FAME NELLE CARCERI
RIFLESSIONI SULLA MOBILITAZIONE DEL 15 OTTOBRE
PERQUISIZIONI A PADOVA
COMUNICATI DAI PROCESSI IN EUSKAL HERRIA
PAESE BASCO: SGOMBERATO IL C. S. KUKUTZA
MILANO: LA CASA E' DI CHI LA ABITA
CORTEMAGGIORE (PC): GLI OPERAI VINCONO UNA BATTAGLIA
ESSELUNGA BIANDRATE (NO): PER I LAVORATORI SALUTE CORTA!
SCIOPERO AL CENTRO LOGISTICO DELLA ESSELUNGA DI PIOLTELLO (MI)
I DRONI DI MARCHIONNE
CHIEDIAMO A TUTTI/E I/LE PRIGIONIERI/E DI DARCI CONFERMA
DEL RICEVIMENTO DEL PRESENTE OPUSCOLO TRAMITE CARTOLINA
IN MODO DA POTER CONTRASTARE L’OPERA DI CENSURA DELLA
DIREZIONE PENITENZIARIA, SCRIVENDO A:
CP 10241 intesta all'associazione "Ampi Orizzonti" - 20122 Milano
NESSUN FUTURO PER LO JEMEN?

Intervista con Riad Al Qadi, esponente dell'opposizione
Facciamo una breve premessa generale di carattere storico all’intervista.
Il territorio dello Yemen è situato a sud della penisola arabica; è la porta che, attraver-
so il Mar Rosso e il Canale di Suez, collega il Mediterraneo all'Oceano Indiano. La sua
importanza strategico-militare è evidentissima.
Nel 1967 un'insurrezione popolare riuscì a mettere fine all'occupazione coloniale ingle-
se iniziata nel lontano 1839. Essa fu resa possibile dall'unione fra le forze di liberazione
storiche interne con gli stati socialisti, in particolare il loro sistema di aiuto reciproco o
anche "internazionalismo" che si esprimeva sul piano militare con il "Patto di Varsavia"
(Trattato di amicizia, cooperazione e mutua assistenza che ha origine nel momento stes-
so in cui viene avviata la Nato, 1949, e prende forma soprattutto quando la Germania
Ovest entra nella Nato, maggio 1955; viene sciolto nel 1991) e su quello economico con
il "Comecon" (Consiglio per la Mutua Assistenza Economica 1949-1991).
Gli stati socialisti avevano costruito in quel tempo una base robusta nei paesi arabi,
soprattutto in Egitto, Siria dove sostenevano la formazione delle "repubbliche arabe
socialiste". Fu questo sostegno fermo, permanente, che rese possibile nella parte sud,
da qui il nome di "Repubblica democratica dello Yemen del sud" con capitale Aden, la
costruzione di uno stato socialista.
Il crollo del sistema degli stati socialisti nel 1990 si riflesse anche in questa parte del
mondo, ma, prendendo a paragone la Juogoslavia, in modo alquanto pacifico. I due
Yemen in quell'anno si riunirono in un unico Stato, l'attuale Yemen.
I partiti del nord, le tribù conservatrici di quel territorio, cercarono di imporre la politica
apertamente filo-statunitense dell'Arabia Saudita, che in quel momento, grosso modo
come oggi, consisteva nel sostegno aperto della guerra per la sottomissione, di Iraq,
Somalia, Afghanistan... Da qui la nascita nel sud di un movimento per il distacco dal
neonato Yemen. Queste forze, armi in mano, nel 1994 proclamarono la secessione della
regione meridionale dello Yemen che assunse il nome di Repubblica Democratica dello
Yemen. Non riconosciuto sul piano internazionale, questo tentativo di secessione venne
stroncato dalle forze governative appoggiate dall'Arabia Saudita e dagli Usa, in due set-
timane di combattimenti.
Le manifestazioni di piazza esplose all'inizio dell'estate 2011, con relativa fuga del pre-
sidente della repubblica Saleh (Ali Abdallah Saleh, presidente dello Yemen del Nord sin
dal 1978, presidente dello Yemen dalla sua riunificazione del 1990), sono, come viene
chiarito nell'intervista che segue, organizzate da Arabia Saudita e Usa. Sono insomma il
tentativo di pilotare dall'alto la rivolta popolare affinché nelloYemen, come invece è
accaduto in Tunisia e Egitto, non si formi un movimento di resistenza apertamente
sganciato dalle istituzioni, tutte.

Utz Anhalt: Nella città di Sanaa (capitale dello Yemen riunificato dopo il 1990) i combat-
tenti del clan Al Ahmar danno battaglia alla Guradia nazionale del presidente Saleh. Che
significato ha questo per le frazioni? Che cosa vogliono?
Riad Al Qadi: Al Ahmar è l'ex capo del Parlamento. In questo momento fra la famiglia
Saleh e la famiglia Al Ahmar è in corso una vendetta di sangue. La casa reale saudita
lascia giocare a Saleh il ruolo di marionetta. Entrambe le famiglie vengono finanziate da
50 anni dall'Arabia Saudita. Entrambe provengono dalla tribù Haschit i cui uomini sono
mercenari del regime saudita. L'ambiente familiare di Saleh viene definito dagli uomini
di Al Ahmar come "trouble-maker" (sobillatore). Al Ahmar giustifica il suo tentativo di
colpo di stato, sostenendo che Saleh sarebbe un assassino. Tutti e due hanno ragione.
Al Ahmar tuttavia ha collaborato per 30 anni con questo assassino e ha commesso
assassinii.
Ali Abdullah Saleh è stato colpito gravemente nel corso di un attacco alla sua residen-
za a Sanaa. Che cosa è accaduto esattamente?
Su questo attacco, fino ad ora, non c'è stata alcuna dichiarazione del governo. Le voci
dicono che Saleh stesso lo avrebbe organizzato, compreso il suo stesso ferimento.
Saleh afferma che due missili avrebbero colpito la sua tenuta dall'esterno; ci sono foto
invece che mostrano delle finestre andate a pezzi ma colpite dall'esterno. Può essere
stato Al Ahmar, ma anche qualcun altro. Il portavoce di Saleh dice che l'attentato è
stato compiuto dal governo degli Usa. In ogni caso Saleh cerca di nascondere la verità
ed è in conflitto con i suoi amici americani.

Perché l'Arabia Saudita finanzia Saleh e Al Ahmar?
I sauditi finanziano Al Ahmar e Saleh dagli anni Cinquanta del secolo scorso per frantu-
mare nello Yemen le organizzazioni democratiche e di sinistra. Adesso Saleh ha ricevu-
to un ultimatum dai sauditi e dal Consiglio di Cooperazione del Golfo affinché rinunci alla
presidenza. Lui ha respinto l'ultimatum. Dopo l'attacco al palazzo presidenziale è stato
ricoverato, gravemente ferito, in un ospedale di Riad (capitale dell'Arabia Saudita). Di
fatto si trova agli arresti militari sotto l'Arabia Saudita.
Perchè? Lui ha lavorato per l'Arabia Saudita.
E' vero, ma lui è insostenibile. I sauditi hanno paura di un avvio democratico nello
Jemen, così come avvenuto in Egitto e Tunisia, e vedono, appunto, che il despota non
è più sostenibile. Gli offrono la possibilità di un asilo lussuoso. Lui può tenere per sé i
suoi miliardi, può escludere di comparire davanti un tribunale, può contare sull'amnistia,
ma deve rinunciare a voler governare.
I sauditi in questo momento ricattano gli insorti nello Yemen: o lasciano salire al potere Al Ahmar o loro rimettono in sella Saleh. Attualmente chi governa il paese?

Il vicepresidente Abdurabo Mansur, un vecchio criminale del governo sudyemenita
responsabile dei massacri di massa compiuti contro i socialisti nel 1986 nel sud del
paese. Il potere reale ad ogni modo si trova nelle mani del figlio e del cugino di Saleh.
Negli anni Settanta Mansur era soltanto un nome.
A cosa aspira Al Ahmar? Che a che fare con il movimento democratico che ha manife-
stato nel Campus dell'università di Sanaa, la piazza Tahrir dello Jemen?
Lui, tanto quanto Saleh, è nemico del movimento di democratizzazione, entrambi rap-
presentano la controrivoluzione. I sauditi in questo momento cercano di portarlo al
potere affinché resti il vecchio potere e non si affermino i democratici. Le squadre arma-
te di Al Ahmar eseguono volentieri il lavoro sporco. In ogni caso, Al Ahmar qui ha lavo-
rato assieme ad Al Qaida. Assieme conducono scontri a fuoco contro la Guardia
Nazionale, ma anche tirano bastonate sui democratici, saccheggiano le abitazioni, si
impongono nelle strade con la violenza delle armi, uccidono le persone critiche. Le squa-
dre di Al Ahmar sono formate da uomini della montagna senza alcuna cultura, i quali
vedono nella vita moderna della città un lusso ad essi sconosciuto; Al Ahmar li lascia
rubare. Per la casa reale saudita quella non è gente sconosciuta. A loro è affidato il com-
pito di distruggere il movimento democratico nello Yemen, per dimostrare alle persone
in Arabia Saudita che "anche il solo tentativo di rivolta non è possibile". Anche là, infat-
ti, è presente il fermento della rivolta. In Arabia Saudita le donne hanno il coraggio di
manifestare sulle strade, di guidare le auto.

Quali chances ha il movimento democratico sorto nel Campus di Sanaa? Nello Yemen
esiste la possibilità di un rivolgimento pacifico come quello di piazza Tahrir in Egitto?
Per il movimento liberale quello attuale è un periodo cupo. In piazza Tahrir il rivolgimen-
to si è affermato quando l'esercito è passato dalla parte dei dimostranti. Questo nello
Yemen non accadrà. La Guardia Nazionale sta dalla parte di Saleh, i mercenari della
montagna seguono Al Ahmar, entrambi sono dislocati a Sanaa proprio per colpire l'e-
mersione democratica. Ciò nonostante gli studenti del Campus hanno festeggiato quan-
do Saleh è fuggito. Il popolo non vuole la guerra civile, ma, al contrario, uno Stato civi-
le. Le richieste di democrazia, di Stato di diritto sono uguali a quelle avanzate in Egitto.
L'Egitto però oggi è, nel suo intimo, una società moderna. Nello Yemen il movimento è
formato dai giovani istruiti delle grandi città. Per la gente armata del nord Yemen la
democrazia non ha alcun senso.

Gli uomini delle truppe di Saleh e delle squadre armate di Al Ahmar sono originari tutti
dello Yemen del nord. Che cosa vuole la gente di Aden, dello Yemen del sud? Il paese
qualche decennio fa era diviso; oggi il separatismo sembra diventare più forte. Ci si
trova di fronte ad una nuova separazione?
Nel sud cresce costantemente la volontà di una nuova separazione. A Aden, la capitale
del sud, il movimento ha caratteri democratici. Con Saleh e Al Ahmar non è possibile
alcun Stato civile. Nella separazione vedono una grossa possibilità, meglio una separa-
zione e uno Stato di diritto, quantomeno nello Yemen del sud, che uno Yemen unito con
la dittatura e la guerra.

Quale ruolo giocano gli americani? Nell'ultimo anno dei piloti americani, a sostegno della
casa regnante in Arabia Saudita hanno pur sempre bombardato i ribelli sciiti Huthi abi-
tanti nello Yemen del nord. Sostengono il movimento democratico? O lo ostacolano?
Gli americani giocano quasi lo stesso ruolo dell'Arabia saudita. Lasceranno cadere Saleh
con le garanzie a una vita lussuosa e libera e sostengono Al Ahmar. Il recente decennio
ha evidentemente lavorato per loro.

L' "Organizing Commitee Popular Youth Revolution"del Campus di Sanaa, ovvero il portavoce degli studenti democratici, esorta il governoUSA a cambiare subito questa politica, a porsi dalla parte della democrazia. Gli studenti dicono chiaramente di volere un sistema completamente diverso, cioè uno Stato didiritto, e che non accetteranno una nuova dittatura, questa volta di Al Ahmar.
In Tunisia e Egitto un movimento democratico ha abbattuto i tiranni; in Libia ha scate-
nato una guerra civile, in cui la Nato è intervenuta e interviene in modo unilaterale ed
inoltre gli avversari di Gheddafi non sono tutti cavalieri dei diritti umani, anzi, fra loro vi
sono torturatori del regime abbattuto.

Nello Yemen il tiranno è fuggito dal paese, dallacapitale Sanaa arrivano immagini, notizie come giungessero da una guerra civile. Chedirezione ha preso la situazione nello Yemen, quella dell'Egitto o quella della Libia?
Purtroppo sembra assumere i caratteri di quanto avviene in Libia. Molto dipende dalla
politica degli americani. Se il governo Usa e il Consiglio di Cooperazione del Golfo cer-
cano di imporre a Al Ahmar, allora esplode la guerra civile, che lui non può perdere poiché gli uomini non istruiti della montagna, che combattono per Al Ahmar, sono armati,
gli studenti invece no - non vogliono armarsi. Essi manifestano in maniera pacifica e in
massa, ma senza violenza. Se gli americani non modificano la loro politica e se dunque
portano al potere Al Ahmar, spengono la luce nello Yemen. Allora si, non c'è nessun
futuro per il nostro paese.

Utz Anhalt (sozialistische positionen), luglio 2011
da www.sopos.org/aufsaetze/4e23f346de01e/1.phtml

INTERVISTA AL PORTAVOCE UFFICIALE DEL GOVERNO LIBICO
L’intervista al portavoce del governo libico che proponiamo in italiano e tradotta dalla ver-
sione inglese curata da Alexandra Valiente redattrice di Libya 360°, giunge dopo le voci,
rivelatesi infondate, di una sua fuga o cattura da parte dei ribelli supportati dalla Nato.
Giornalista: E’ in linea con noi il Dr. Ibrahim Moussa, portavoce ufficiale del governo libi-
co. Dottore, vorrei iniziare ringraziando Dio della vostra incolumità. Le menzogne e
inganni dei media affermavano che lei aveva tentato la fuga indossando abiti femmini-
li e un neqab (copricapo femminile che cela il viso).

Ritiene che sia un tentativo di diffamare e infangare l'immagine della resistenza e dei combattenti jihadisti come lei?
Dr. Ibrahim Moussa: La saluto caro fratello e saluto tutti gli spettatori di questo canale
coraggioso. Abbiamo dato le nostre vite e le nostre anime per il bene di questo Paese e
partecipiamo a una causa onorevole e dedita a un progetto di vera civiltà e non mi sor-
prende che queste voci e bugie siano state scorrettamente sostenute dai capi del Consiglio
della vergogna e del tradimento in Libia, né stupisce la diffusione di tali dichiarazioni da
parte dei media che cooperano in modo organizzato con la NATO e i ribelli-NATO.
Cercano di sporcare l’immagine della Gloriosa Gioventù della Libia che ha intrapreso
questa guerra santa contro le più grandi potenze del mondo, ma essa è di gran lunga
più grande e pura. Non abbandoneremo il campo di battaglia. Combatteremo fino alla
morte o fino al trionfo, a Dio piacendo. Queste voci sono falsità. Ero vicino alla linea del
fronte a Sirte e con me stava una squadra di circa 23 grandi e leali combattenti. Otto di
loro arrivavano da Sirte, 2 da Harwara, 2 da Tarhouna, 3 da Werfella e 1 da Wershifana
e 1 da Seesan e 6 dalla coraggiosa Zliten.

Siamo stati investiti da un attacco a sorpresa da parte di una banda di miliziani della
Nato e costretti a riparare in una zona isolata. Il gruppo di giovani che era con me è
rimasto a combattere le milizie Nato, ben attrezzate e armate dal loro malvagio alleato
atlantico, mentre noi usavamo solo armi leggere, ecc. Il combattimento è andato avan-
ti per più di un giorno e mezzo. Hanno annunciato la mia cattura e l'arresto, ma non era
vero. In realtà non sono mai stati vicini a prendermi. I giovani hanno continuato a com-
battere nelle valli dei deserti. Alcuni di loro sono morti come martiri in questa battaglia
coraggiosa e pura: due, uno da Werfella e uno da Seean, mentre con i rimanenti abbia-
mo resistito e ci siamo messi al sicuro. Che Dio possa avere misericordia dei martiri che
accoglierà benevolmente, al contrario della Nato.

Quanto detto sopra ci porta ad un'altra visione della linea del fronte di guerra, che testi-
monia la determinazione, abnegazione e l'alto morale dei combattenti. Ma i media
bugiardi cercano di diffondere quante più voci infondate e bugie possibili per abbattere
il morale del movimento di resistenza.

Vorrei cogliere l'occasione per dire che ho personalmente assistito con i miei occhi a
come hanno ucciso, Zwaitneeya, Wershifna, Seesan, Werfella, Tarhouna, Hrawa e le
tribù della Sirte che erano mano nella mano, fianco a fianco, e come gli aerei volavano
sopra di noi e come bombardavano senza sosta e come la milizia a terra cercava di
attaccare. Giuro caro fratello, gli occhi di queste persone avevano una scintilla di rabbia
e di lotta e tutti parlavano dei martiri e dei compagni coraggiosi, e parlavano delle loro
famiglie con amore e compassione. E' stato uno spettacolo incredibile. Queste persone
non sono state addestrate.

Non sono state addestrate da Al Qaeda, Nato, Francia, Qatar.
Questi sono giovani normali, gente comune come le persone che guardano Al-Rai in
questo momento, che poi cambieranno canale per guardare un programma televisivo,
un film o dei video musicali. Giovani normali sorprendentemente trasformati in leoni ed
eroi perché sentivano di avere ora uno scopo più alto, di dover essere combattenti ed
eroi. Ho chiesto ad alcuni di loro chi erano, da quali famiglie venivano, cosa facevano
nella vita, il loro lavoro. Alcuni erano studenti, insegnanti, imprenditori, tecnici, ecc.
Tutte queste persone non avevano altri obiettivi o aspirazioni tranne che di combattere
questi terroristi e abbattere e rovesciare questa conquista coloniale del loro paese.
Giuro caro fratello mio, anche se molte di queste persone non sono istruite politicamen-
te lo sono però moralmente e capiscono tutto quello che sta succedendo. Essi non pos-
sono essere ingannati da paroloni come "democrazia", "libertà" e "cambiamento", men-
zogne ingannevoli per mascherare i propositi coloniali sulla Libia. Comprendono collet-
tivamente in modo trasparente e onesto che è loro dovere combattere.

Vorrei mandareancora una volta i miei ossequi ai due martiri che ho menzionato prima e un saluto ai miei fratelli che stanno ancora combattendo sui numerosi fronti di battaglia.
Nemmeno per un secondo abbiamo dubitato che Ibrahim Moussa "il combattente"
sarebbe potuto fuggire dalla battaglia nel momento del bisogno. In ogni caso dottore, i
media diffondono voci secondo cui i civili stanno fuggendo da Sirte. Pensa che si cerchi
di dare l'impressione che la città sia stata evacuata e affermare che tutti sono fuggiti
per poter poi massacrare e ripulire l'intera città e la sua popolazione?

Certo fratello mio, hanno già iniziato. Gli spettatori arabi di tutto il mondo, Arabia
Saudita, Emirati, Egitto, Siria, Iraq, Algeria, Marocco, Sudan e tutti i paesi arabi, devo-
no sapere che gli abitanti di Sirte sono stati letteralmente massacrati e spazzati via il
mese scorso mentre erano nelle loro case... e lo voglio ripetere ancora, "nelle loro case",
il numero di morti ha raggiunto le migliaia. Questa "non è un'esagerazione", migliaia di
persone! Ciò è evidente nella misura in cui l'odore della morte, di uccisioni e distruzio-
ne è diventato così opprimente che le organizzazioni internazionali hanno avuto modo
di sperimentarlo anche dai lontani paesi del nemico. L'odore, come si dice in inglese, è
troppo per ignorarlo.

Hanno iniziato ancora una volta il gioco dei media, dicendo che gli abitanti di Sirte stan-
no fuggendo per coprire il fatto che sono loro e non noi a uccidere e bombardare i civi-
li. Si tratta di una strategia chiara portata avanti da Al Jazeera, Al Arabiya e altri che
sono ormai i più qualificati e consumati nella menzogna e l'inganno. Posso dire di esse-
re un esperto a livello mondiale su questi canali e sulle loro capacità, per aver trattato
con loro ampiamente e avendoli osservati da vicino negli ultimi 9 mesi. So che la loro
composizione e il modo in cui operano dall'interno è in realtà solo una parte di questa
operazione internazionale imperiale.

Una parte falsa, cosmetica e preordinata.
La città ha ancora 180.000 dei suoi abitanti. Sono fuggiti in poche centinaia perché le loro
case e vite sono state distrutte. Ma 180.000 rimangono ancora all'interno della città, unito
al fatto che intere tribù sono fuggite verso Sirte perché le bande hanno invaso i loro villaggi e proprio in questo momento vengono bombardati, gli edifici crollano, ecc. Carri
armati, reggimenti e missili Grad, colpiscono senza distinguere fra obiettivi militari e civili.
Caro fratello, ho personalmente avuto colloqui telefonici con le organizzazioni interna-
zionali e alcuni canali televisivi internazionali e ho chiamato le organizzazioni dei diritti
umani, funzionari e ben note autorità delle Nazioni Unite. Ho chiesto a tutti di venire a
Sirte, in considerazione delle precedenti visite in altre città della Libia mentre veniva
condotta questa cospirazione contro di noi. Perché non vengono ora a registrare e rac-
cogliere dati sulla distruzione e i crimini a Sirte? Dicono OK verremo, ci organizziamo e
verremo. E’ passato un mese dalla mia richiesta e non un singolo canale televisivo è
entrato Sirte, non un'organizzazione è entrata a Sirte, non una delegazione della Croce
rossa ha raggiunto Sirte. Non una singola entità islamica o autorità delle Nazioni Unite
ha commentato la distruzione della città di Sirte!

La cospirazione è chiara a chiunque abbia un cuore o possa ascoltare cosa sta accaden-
do. Per le persone che non hanno cuore e non vogliono conoscere o imparare o analiz-
zare o abbattere questo regime ingiusto globale, sarebbe certo meglio vivere nella beata
ignoranza, ma noi preferiamo estendere la conoscenza e sapere sempre di più.
In ogni guerra, la ricerca della verità è il primo punto e noi siamo dalla parte della veri-
tà, con l'aiuto di Dio!
Dr. Moussa, qual è la situazione sul terreno, in prima linea, soprattutto nelle città resi-
stenti circondate? Voglio dire Bani Walid, Ghadamis e Sirte?
Cercherò di fornirvi una sintesi. Ci sono due tipi di prima linea, di campi di battaglia. Ci
sono i fronti principali, Bani Walid, Sirte e Sabha e ci sono altri fronti nelle città invase.
Partendo da queste ultime, possiamo osservare che il movimento di resistenza è aumen-
tato. Vengono di continuo svolte operazioni a Zliten, Tripoli, Zawiya, Azizia e Tarhouna
e in altre città. Alcune sono operazioni pianificate e organizzate mentre altre di piccole
dimensioni sono portate avanti da pochi individui. Sono tutte riuscite e si vedono risul-
tati positivi. Ci sono state vittime fra i nemici. Ma la cosa più importante è che la ban-
diera della lotta viene sollevata. La continuazione di queste operazioni dimostra che la
Nato non può assumere il controllo della Libia.

In termini di fronte principale, grazie a Dio, Bani Walid è stata realmente e completa-
mente ripulita entro un ampio raggio che circonda la città e va detto che in qualche
modo stiamo ancora subendone gli effetti, naturalmente.
Ma i cadaveri dei miliziani della Nato sono rimasti nelle valli e montagne di Bani Walid.
Naturalmente i capi delle forze di terra dei ribelli Nato conoscono bene questo fatto.
L'ospedale Tarhouna, l’Ospedale Tajoura, Il Tripoli Medical Centre sono tutti pieni dei
corpi provenienti dal campo di battaglia di Bani Walid. In considerazione di ciò, per que-
ste bande Bani Walid ha assunto il significato di “morte”. I rapporti da questo fronte
sono eccellenti. L'ultimo attacco a Bani Walid è stato ieri, oggi non ci sono stati attac-
chi. Ieri molti hanno sacrificato le loro vite. Vorrei salutare tutte le tribù di Bani Walid,
soprattutto quella della battaglia nella Valle di Ghalboun e i nostri fratelli Sbaya e
Asahbaa, Kimmat, Qbool, Gwaydaa che ci hanno protetto e difeso.
Dal punto di vista della seconda principale linea del fronte della città resistente di Sirte,
gli attacchi sono stati maggiori. Sono arrivati da cinque diversi punti supportati da
pesanti bombardamenti Nato e sostenuti con armi molto moderne. Ma i giovani di Sirte
sono stati capaci di resistere a quest’attacco. E posso dare un’informazione giunta solo
due ore fa, sui giovani di Sirte che hanno compiuto una forte avanzata nella parte est
della città, costringendo il nemico alla fuga e a ritirarsi di alcuni chilometri e che ha
9
anche portato alla requisizione di alcune delle loro armi. Anche il sud e l’ovest della città
sembra stiano facendo bene.
Nel dire questo, vorrei avvisare i telespettatori che ci aspettiamo che gli attacchi a Sirte
si intensificheranno a partire da domani soprattutto nella zona ovest e sud. Ma, siamo
pronti e contiamo su una forza ragguardevole a ovest e con un duro lavoro sui fronti
sud ed est valutiamo di eliminare completamente la minaccia nei prossimi giorni.
Se posso, vorrei cogliere l'occasione per rilasciare una dichiarazione alle tribù delle città
violate, per esempio l’onorevole popolo di Tarhouna. Sappiamo che il popolo fiero e
patriottico di Tarhouna non può accettare i ribelli della Nato e da loro riceviamo costan-
temente lettere che indicano la loro opposizione alla Nato ma sono costretti al silenzio
contro la loro volontà.
Noi diciamo loro che se non possono e non hanno le capacità per aprire un campo di
battaglia e di resistenza nella città stessa, che almeno i lealisti si muovano a centinaia
da Tarhouna, Wershefanna, Asabeeaa, Seean e Hawamed e da ogni parte per unirsi alla
prima linea a Bani Walid e Sirte. Naturalmente, abbiamo già un gran numero di appar-
tenenti a tali tribù in questi campi di battaglia, ma esse devono continuare a inviare
sempre più persone in modo che le nostre forze possano ingrandirsi e, alla fine, aprire
un fronte di battaglia nella loro città.
Dottore, ringrazio ancora Dio per la vostra incolumità, la ringraziamo per la sua parte-
cipazione e la salutiamo insieme alla vostra resistenza.
Prima di andare vorrei portare le personali condoglianze per conto del nostro Leader
della Rivoluzione, Muammar Gheddafi, alla famiglia dell’eroe Jamal Abdal Nasser per suo
figlio Khalid. Possa Dio avere pietà della sua anima, il Leader Muammar Gheddafi vuole
esprimere il più profondo rispetto alla famiglia di Jamal Abdul Nasser, a tutto il popolo
libero e a tutti gli arabi. E vorremmo rafforzare la lotta che Jamal Abdel Nasser ha con-
dotto per la libertà, l'orgoglio e la lotta che tutti gli arabi affrontano contro gli occupan-
ti stranieri, contro il furto di petrolio, contro la creazione di basi militari in Libia e in qual-
siasi paese arabo. Vorremmo porgere ancora una volta le nostre più profonde condo-
glianze al popolo arabo. Vorremmo dire che, a Dio piacendo, manterremo alta la ban-
diera della libertà, dell'orgoglio, dell'Islam e dell'onestà fino alla vittoria, Inshallah.

01 ottobre 2011
da libya360.wordpress.com, in www.resistenze.org
Traduzione dall'inglese a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare
DALLA LOTTA DENTRO E CONTRO I C.I.E.

Anche questa volta e unicamente per ragioni di spazio, riportiamo solo parte di quanto
accaduto nei CIE italiani, siamo consapevoli di tralasciare parecchi avvenimenti non
meno importanti. Nella cronologia che segue non sono infatti riportati i numerosi scio-
peri della fame praticati dai prigionieri (come ad esempio lo sciopero della fame e della
sete iniziato lo scorso 13 settembre nel CIE di Bari-Palese) oppure i numerosi tentativi
messi in atto da prigionieri e solidali volti ad impedire le espulsioni (come nel caso di
Sonia a Fiumicino o a Torino) oppure ancora le varie iniziative e mobilitazioni di quan-
ti non si rassegnano all'esistenza dei CIE ma hanno la precisa volontà di chiuderli (indi-
cativo l'esempio di Torino in cui i solidali che manifestavano sono stati caricati a freddo
dalla polizia). Sempre solidali con le rivoltose e i rivoltosi.

MILANO, 6 SETTEMBRE
Rivolta, ieri sera, nel CIE di via Corelli a Milano. Dopo i tentativi di evasione dei giorni
passati i reclusi hanno appiccato incendi in diverse camerate del Centro. Poi in molti
sono saliti sui tetti e la polizia, spenti i fuochi, è entrata nelle sezioni e ha fatto scende-
re la gente a forza di manganellate. A parte dieci ragazzi che sono stati portati via in
ambulanza, gli altri reclusi sono stati radunati nel cortile e fatti inginocchiare nudi, men-
tre la polizia perquisiva le camerate. Pare che nessuno sia riuscito a scappare e non sono
ancora chiari quali danni abbia subito la struttura.
Intorno all'una di notte era di nuovo tutto "tranquillo". Due dei dieci reclusi dall'ospeda-
le sono stati portati a San Vittore. Il loro arresto è già stato convalidato.

TRAPANI, 6 SETTEMBRE
Torna a salire la tensione nel CIE di Trapani Milo, gestito dalla cooperativa “Insieme” del
consorzio “Connecting People”. Dopo le ripetute fughe del mese di agosto, da una set-
timana nel Centro regnava una calma apparente. Diverse decine di reclusi erano stati
liberati con il classico foglio di via di sette giorni per far spazio ai nuovi ragazzi appena
sbarcati a Lampedusa. Alla sera, intorno alle 23, in tanti hanno di nuovo tentato la fuga:
ci sono stati alcuni tafferugli con le guardie, con lanci di bottiglie e pezzi di sedie e tavo-
li da una parte e manganellate dall'altra. Almeno quindici reclusi, forse riconosciuti gra-
zie alle telecamere di videosorveglianza, sono stati prelevati dalle guardie e portati via
dalle sezioni. Nessuno è riuscito a scappare.

ROMA, 9 SETTEMBRE
“Ventuno stranieri di diverse nazionalità sono fuggiti ieri sera dal CIE di Ponte Galeria.
La fuga sarebbe avvenuta nel corso di un trasferimento di routine all'interno del Centro.
Le ricerche non hanno dato ancora esito. L'ennesima fuga di migranti da Ponte Galeria
è la conferma di quanto sia complessa la gestione quotidiana degli ospiti del centro
dove, nonostante l'attenzione delle forze dell'ordine e degli operatori che gestiscono la
struttura, è sempre più problematico garantire il rispetto dei diritti umani. Il caldo, l'af-
follamento, la disperazione degli ospiti e, non da ultimo, l'allungamento dei tempi di per-
manenza, sono ingredienti che contribuiscono a creare una miscela esplosiva. Spero che
il governo e, in particolare il ministro dell'Interno, ripensino alla spaventosa situazione
di sofferenza in cui si trovano queste persone e recuperino un senso di solidarietà che
sembra, purtroppo, essersi perduto". Così in una nota il Garante dei detenuti del Lazio,
Angiolo Marroni.

TORINO, 10 SETTEMBRE
Questa notte, intorno alle quattro c'è stata un'evasione dal CIE di Torino. A quanto pare
sono riusciti a uscire dalla gabbia che circonda l'area viola dopo aver staccato qualche
sbarra, segata in gran segreto nel corso delle ultime settimane. Una volta nel cortile si
sono lanciati contro le guardie, colte di sorpresa, e hanno iniziato a scavalcare il vecchio
ingresso di Corso Brunelleschi. I militari hanno fermato qualcuno ma in dodici sono
riusciti a scavalcare il cancello. La Questura, a corto di uomini per l'impegno in Val Susa
e a Torino contro i No Tav, ha lanciato l'allarme.
Dopo quest'ultima evasione al CIE di Torino arriva il metal detector. Servirà a ispeziona-
re i pacchi alimentari e i vestiti che amici e familiari portano quasi quotidianamente ai
reclusi. Pare infatti che alla base del piano di fuga escogitato dai reclusi dell'area viola
ci fossero delle lime di ferro che, secondo la polizia, sarebbero entrate di nascosto pro-
prio con dei pacchi di generi alimentari.

TORINO, 11 SETTEMBRE
Il giorno dopo la grande fuga ci hanno provato altri due reclusi. Durante la distribuzio-
ne della colazione, hanno approfittato di un momento di distrazione delle guardie per
accostare la porta della gabbia ma senza far scattare la serratura. E al momento oppor-
tuno hanno riaperto e si sono messi a correre verso il piazzale centrale da dove si sono
lanciati sulla seconda recinzione che bisogna scavalcare per arrivare al muro di cinta su
corso Brunelleschi. Ma li hanno presi prima e li hanno fatti scendere. Per poi menarli sul
posto e portarli direttamente in carcere. Arresto in flagranza di reato con l'accusa di resi-
stenza a pubblico ufficiale e lesioni. Processati per direttissima, si sono presi uno un
mese e l'altro otto. Ma sono stati subito scarcerati, con la condizionale, e riportati al CIE
per essere espulsi nei prossimi 18 mesi.

MODENA, 17 SETTEMBRE
Dieci vetture della polizia, auto della Municipale, gli uomini dell'esercito, carabinieri e
Finanza. C'erano tutti. E sul tetto, ad osservare due “ospiti” in “assetto” di protesta. Al
primo accenno di rivolta al CIE, la task force è stata mobilitata ed è scesa sul campo.
Verso le 18.30 infatti è stato diramato l'allarme: due tunisini erano riusciti ad arrampi-
carsi sino a raggiungere la zona dei tetti. L'obiettivo finale quello di riuscire a calarsi all'e-
sterno utilizzando delle lenzuola, usando una tecnica e un copione giù utilizzato in
parecchi tentativi. Ma sono stati subito scoperti e sul posto, tanto all'esterno quanto
all'interno, si è creata una grande concentrazione di forze dell'ordine. Lo scopo prima-
rio è stato quello di sedare sul nascere ogni protesta: da una minima scintilla infatti è
possibile, come in effetti è avvenuto qualche mese fa, che dalla protesta si passi ad una
rivolta collettiva, rivolta facilitata dal fatto che tutti i detenuti della struttura sono della
stessa nazionalità.

LAMPEDUSA, 20 SETTEMBRE
Lampedusa brucia, ancora. Ogni sincero nemico delle frontiere e delle espulsioni freme
di gioia per questo ennesimo incendio alimentato della rabbia e della voglia di libertà, e
allo stesso tempo trema di rabbia e di sgomento per le vergognose parole del sindaco
De Rubeis ("Questo è uno scenario di guerra. C'è una popolazione che non sopporta più,
vuole scendere in piazza con i manganelli e difendersi da sola"). Parole che suonano
come una vera e propria istigazione alla guerra civile. Parole che, lo sappiamo tutti molto
bene, possono essere prese molto sul serio. A questo punto, ogni sincero nemico delle
frontiere e delle espulsioni non può limitarsi a contemplare quella che potremmo defi-
nire la "rabbia degli altri", di qualunque segno essa sia. Occorre avere pronte idee e pro-
poste semplici e all'altezza della gravità della situazione, e soprattutto delle sue poten-
zialità. "All'altezza della situazione" significa semplicemente questo: chiunque, in un'ipo-
tetica assemblea, si facesse avanti ora con un discorso genericamente antirazzista,
pieno di tutte le banalità del caso (siamo stati emigranti anche noi, dobbiamo accoglier-
li, e via sbrodolando) e proponesse, per dirne una, un volantinaggio davanti al munici-
pio, ebbene costui correrebbe il rischio concreto di essere preso a sberle, sberle forse
ben meritate. Ma se invece l'idea fosse "il problema è l'esistenza del CIE" e la proposta
fosse "distruggiamo quel che ne resta e impediamone la ricostruzione", ci potrebbe esse-
re qualche concreta possibilità che diversi lampedusani arrabbiati, arrabbiati indistintamente col Governo e con gli immigrati, decidano di mettere da parte i manganelli di De
Rubeis, e di impugnare tronchesine, piedi di porco, mazze, picconi e tutto quel che serve
per terminare una volta per tutte l'opera di demolizione cominciata dai rivoltosi.
Si susseguono, una dopo l'altra, le agenzie di stampa sulla sommossa di Lampedusa. Le
notizie sono ancora frammentate e un po' confuse.
Questo pomeriggio i reclusi hanno dato vita ad una grossa protesta dando fuoco al
Centro che ora sta bruciando, un incendio che non può non riportare alla mente quello
del febbraio 2009. Buona parte dei migranti sono scappati e si sono diretti verso la piaz-
za centrale del paese per continuare la protesta. L'incendio non è ancora stato spento,
ma si parla di due terzi del Centro inagibile e sembra che a causa della grossa nube di
fumo sia stato chiuso l'aeroporto dell'isola.

BRINDISI, 20 SETTEMBRE
Una nuova fuga è avvenuta la notte scorsa dal CIE di Restinco. Una sessantina di immi-
grati sono riusciti a far perdere le proprie tracce. Si tratta dell'ennesima fuga che si veri-
fica nel Cie brindisino. Al momento le forze dell'ordine sono a lavoro per cercare di rin-
tracciare gli uomini che si sono dati alla macchia.

LAMPEDUSA, 21 SETTEMBRE
È degenerata la protesta di alcune centinaia di tunisini che si stava svolgendo nei pres-
si del porto vecchio di Lampedusa, a due passi da una pompa di benzina. Un gruppo di
tunisini ha preso dal centro di accoglienza alcune bombole di gas e le ha portate nei
pressi di una pompa di benzina al porto vecchio, minacciando di farle saltare in aria.
Immediatamente una cinquantina di lampedusani si sono avventati contro i tunisini ed
è nato un parapiglia. A questo punto le forze dell'ordine, in assetto antisommossa,
hanno caricato i manifestanti. Gli scontri hanno coinvolto anche alcuni abitanti dell'iso-
la, che hanno dato vita a una fitta sassaiola nei confronti degli immigrati, che hanno
risposto lanciando a loro volta pietre e suppellettili. Una decina di migranti presentano
diverse escoriazioni e contusioni. Per uno di loro, in stato di semicoma, il responsabile
sanitario ha chiesto il trasferimento urgente a Palermo in eliambulanza. Altri scontri tra
tunisini e forze dell'ordine sono avvenuti anche all'interno del Centro dove si trovano
ancora un centinaio di immigrati. I reclusi avrebbero lanciato sassi e altro materiale con-
tro gli agenti che presidiano la struttura.

NAVI GALERE A PALERMO
È proprio vero che al peggio non c'è mai fine. Dopo i fatti di Lampedusa, dopo quel nau-
fragio dell'umanità che ha portato a una guerra civile fra immigrati e abitanti dell'isola
e alla conseguente espulsione di tutti i tunisini, il governo italiano sta mettendo in atto
un'operazione inaudita, degna dei peggiori regimi dittatoriali. In queste ore, settecento
immigrati che si trovavano a Lampedusa sono stati trasferiti e si trovano attualmente
stipati e detenuti su tre navi ancorate al porto di Palermo: "Moby Fantasy" e "Audacia"
di Grandi navi veloci, e la "Moby Vincent". Il molo Santa Lucia è letteralmente blindato.
Sono 650 gli agenti delle forze dell'ordine impiegati in questo internamento concentra-
zionario su quelli che, burocraticamente, sono definiti "centri di raccolta galleggianti".
L'obiettivo è quello di rimpatriare a poco a poco tutti gli immigrati, ma la cosa agghiac-
ciante è che le autorità stanno cercando di nascondergli come stanno realmente le cose.
I telefonini dei migranti sono stati tutti sequestrati per evitare ogni contatto con l'ester-
no e scongiurare possibili rivolte a bordo delle navi. Nel frattempo, il governo di Tunisi
tiene duro, e le operazioni di rimpatrio stanno subendo un evidente rallentamento.
Sulle navi le condizioni igieniche sono ai limiti della tollerabilità umana e la tensione cre-
sce di ora in ora. Non dovrebbe più stupire nessuno, ma vale la pena di ricordare che
tutto questo avviene al di fuori di ogni minima garanzia legale. Le detenzioni non giusti-
ficate da un provvedimento di un giudice sono contrarie al più elementare ordinamento
giuridico democratico, così come sono legalmente vietate le espulsioni di massa. E inve-
ce, a Palermo, il governo italiano tiene segregate settecento persone su tre navi al porto,
come se fossero appestati in quarantena, in attesa di disfarsene il prima possibile.

TORINO, 22 SETTEMBRE
Nuova evasione dal CIE di Torino, a meno di due settimane dall'ultima spettacolare fuga:
questa volta si è trattato di una vera e propria sommossa che ha coinvolto quasi tutto
il Centro. Intorno a mezzanotte i ragazzi di tutte le aree maschili hanno sfondato i can-
celli e hanno iniziato a scavalcare le seconde recinzioni. Polizia e militari sono interve-
nuti in forza e molto rapidamente per fermare la sommossa, e ci sono stati duri scon-
tri. A quanto pare le guardie oltre ai classici manganelli hanno utilizzato anche idranti e
spray urticanti. Alla fine si parla di 22 evasi e 10 arrestati, queste le cifre ufficiali forni-
te della Questura e prontamente riportate dai giornali. Anche i racconti di chi non ce
l'ha fatta riportano più o meno le stesse cifre, ma per i ragazzi ancora reclusi fare la
conta è difficile. Molti sono scappati senza telefoni: alcuni non l'avevano proprio, altri lo
hanno abbandonato volontariamente durante la fuga. Quindi è complicato capire chi è
finalmente libero, chi all'ospedale, chi in carcere.

MODENA, 27 SETTEMBRE
Durante la notte appena trascorsa gli stranieri trattenuti presso il CIE (attualmente 57)
hanno tentato, ancora una volta, di scappare ricorrendo a funi artigianalmente realizzate.
Alcuni hanno poi dato fuoco ai materassi posti all'interno di due dei quattro moduli abita-
tivi. Anche tale tentativo non ha avuto alcun esito per l'intervento di due squadre del Vigili
del Fuoco che hanno provveduto a spegnere i focolai d'incendio con danni minimi alle
infrastrutture murarie. E' stato poi arrestato uno degli stranieri, accusato di avere appic-
cato il fuoco, servendosi delle immagini registrate dall'impianto di video-sorveglianza.

BRINDISI, 30 SETTEMBRE
Dopo la fuga nei giorni scorsi di 62 migranti, a Restinco la comunità tunisina lancia una
nuova sfida alle forze dell'ordine: altri 18 sono scappati nella serata di ieri. Cinque fino-
ra gli arrestati. Il resto dei fuggitivi lo cercano ancora nella campagne intorno alla città.
Un allarme che intorno alle 19 di ieri ha fatto scattare diverse divisioni in tenuta antisom-
mossa: erano presenti carabinieri, polizia, guardia di finanza e militari delle Forze arma-
te. Questa volta la protesta degli immigrati tunisini si è limitata inizialmente alla zona
interna della struttura. Poi, nella sera, hanno raggiunto i tetti e cercato quindi la fuga.

TORINO, 2 OTTOBRE
Un tentativo di fuga è stato messo in atto in serata dagli immigrati rinchiusi in tutte e
quattro le aree del Cie di Torino ma è stato neutralizzato dalle forze dell'ordine. La pro-
testa é cominciata contemporaneamente in tutte e quattro le aree. Gli immigrati hanno
tentato di sfondare le reti e i cancelli d'ingresso, ma purtroppo sono stati bloccati.

BRINDISI, 2 OTTOBRE
Una fuga in massa si è verificata dal CIE di Restinco, alle porte di Brindisi. Diciotto tuni-
sini sono riusciti a dileguarsi nel corso di scontri con le forze dell'ordine che hanno pro-
vocato il ferimento di undici tra poliziotti, finanzieri e militari del Reggimento San Marco.
La rivolta si è protratta per alcune ore all'interno della struttura e ha visto coinvolti gli
84 reclusi, tutti provenienti da Lampedusa. I rivoltosi hanno sradicato le porte per uti-
lizzarle come grimaldello per creare un varco nella recinzione attrttraverso cui sono fuggi-
ti in diciotto. Quattro di loro sono stati rintracciati e ammanettati. Devono rispondere di
violenza, resistenza, minacce, lesioni e a pubblico ufficiale e danneggiamento del patri-
monio dello stato.

TORINO, 3 OTTOBRE
Dopo la carica di ieri pomeriggio fuori dalle mura del Cie di Torino, questa sera gli idro-
fobi-in-divisa della Questura hanno pensato bene di passare all'attacco pure dentro alle
mura. Non è ancora chiaro se ci sia stato un tentativo di fuga di vero e proprio da parte
dei reclusi, o una protesta dopo un diverbio, oppure ancora una semplice battitura. Sta
di fatto che la reazione è stata pesante: lacrimogeni e idranti contro i prigionieri. In par-
ticolar modo, un lacrimogeno è stato tirato giusto sulla faccia di un recluso ferendolo
seriamente. Il ragazzo colpito dal lacrimogeno è stato ricucito al Martini con cinque punti
di sutura alla faccia per poi tornare dentro alle gabbie.

MODENA, 4 OTTOBRE
Arresto, nella notte, per cinque cittadini tunisini del CIE di Modena. I Carabinieri li hanno
arrestati in seguito all'aggressione subita da alcuni militari mentre stavano aiutando i
gestori civili della Misericordia nell'accompagnamento di un recluso nell'infermeria della
struttura.
MILANO, 4 OTTOBRE
Si è tenuta oggi la seconda udienza del processo ai due ragazzi arrestati a Milano in
seguito alla rivolta avvenuta all'interno del CIE lo scorso 6 settembre. I due ragazzi sono
accusati di resistenza aggravata perché il reato sarebbe stato compiuto da più persone
in occasione di una rivolta e per tale ragione la competenza è passata dal tribunale
monocratico a quello collegiale. Durante la prossima udienza, fissata per il 20 ottobre,
verranno ascoltati quattro poliziotti e il responsabile della Croce Rossa che gestisce il
centro. I due ragazzi sono ancora rinchiusi nel carcere di San Vittore perché l'esito del
riesame è stato negativo.

BARI, 8 OTTOBRE
Tornano a farsi sentire i reclusi del Cie di Bari-Palese. Ad un mese di distanza dallo scio-
pero della fame col quale denunciavano la propria condizione la situazione non è cam-
biata di molto, tra sovraffollamento e pestaggi più o meno quotidiani. Dicono di aver
raggiunto il limite della sopportazione e minacciano atti di autolesionismo di massa.
A far precipitare la situazione, la storia paradossale di un recluso che ha saputo proprio
questa mattina di aver perso la madre e che dunque vorrebbe tornarsene in Tunisia
dalla sua famiglia: nonostante le sue richieste, però, la Questura non lo lascia partire
volontariamente.
Milano, ottobre 2011

LETTERA DAL CARCERE DI SAN VITTORE (MILANO)
Nahed è stato arrestato nel CIE di via Corelli (Milano) all'inizio di settembre 2011 con
l'accusa di aver preso parte a una rivolta. Trasferito a San Vittore è ora sotto processo
per "resistenza aggravata perché in concorso con altri", in pratica per rivolta. A
Mohamed è stato riservato lo stesso trattamento conosciuto da Nahed.
Sono Nahed, vengo dalla Tunisia, sono padre di tre bambini. Sin da quando ero picco-
lo mia madre e mio padre si sono separati e ho vissuto parte della mia infanzia negli
istituti. Mi sento davvero a terra a essere in galera e sapere che la mia famiglia non trova
di che mangiare. Devo uscire dal carcere. Non ho colpito l'agente di polizia; non l'ho
potuto fare perché avevo ed ho la mano sinistra fratturata, in seguito a uno scivolone
in una toilette del Centro di via Corelli.
Cari amici, devo dirvi che ancora oggi sento le conseguenze dei colpi di manganello e
dei calci tirati dai poliziotti, che facevano la gara a chi li tirava più forti; sotto la violen-
za di quei colpi sono svenuto, quando ho riaperto gli occhi mi trovavo all'ospedale, dove
mi hanno visitato sommariamente per subito riportarmi al Centro.
Quella sera eravamo almeno cinquanta persone a protestare. Ancora non capisco per-
ché hanno scelto di portare in tribunale il mio amico Mohamed e me. Chiedo a dio di
tirarmi fuori da questa situazione; amo la libertà.
Ringrazio tutte le persone che ci esprimono solidarietà. Ti sono grato della lettera.

5 ottobre 2011
Nahed Ferchichi, Mohamed Mraihi, P.za Filangieri, 2 - 20123 Milano


LETTERE DAL CARCERE DI SANREMO (IM)
Ciao amici e amiche, chi vi scrive è Adriano Levratto per informarvi che ho inviato alla Corte
d'Europa per i Diritti dell'Uomo (Strasburgo) cinque ricorsi: contro lo stato di polizia italia-
no, uno dei quali contro il sindaco e gli assistenti sociali del comune di Vado Ligure.
Nei ricorsi ho scritto che per anni ho chiesto loro un aiuto riguardante un alloggio e un lavo-
ro, l'opportunità di non andare più a delinquere, spacciando hascisc e cocaina.
Anche da detenuto ho continuato a rivolgermi agli assistenti sociali, compresi gli educatori
della C.C. di Savona.
Vi scrivo anche per chiedere a voi, se potete indicarmi un ente statale cui rivolgermi, per
lamentarmi di tali inadempienze nei miei confronti.
Purtroppo so già che è una battaglia persa, ma io voglio lottare lo stesso.
Sono arrivato al punto che ho deciso che il giorno in cui uscirò, inizierò uno sciopero della
fame e della sete a oltranza, cosa che mette male farla all'interno del carcere repressivo,
dove si avrebbero mille ricatti.
Ad ogni modo, spero in un vostro aiuto, compagni e compagne, chiedo consigli, quanto
meno su come muovermi.
Nell'attesa vi lascio con la penna ma non con il cuore… un grosso abbraccio da Adriano.

20 agosto 2011
A chi rifiuta di servire la proprietà privata o viene emarginato con il licenziamento e l'e-
spulsione dal mercato del lavoro, le istituzioni rispondono con il carcere e questa è la fun-
zione che le legittima. Istituzioni e personale che fa funzionare le carceri possono anche

provare a cercare un posto di lavoro e un alloggio ma questo non le riguarda più di tanto,
ancor meno in un momento di crisi dove licenziamenti e sfratti sovrastano la realtà.
La debolezza della lotta contro questo sistema perverso determina, fra le altre cose, in
chi subisce le istituzioni, aspettative impossibili riposte nelle istituzioni stesse, dispera-
zione, senso di totale impotenza.
Quest’ultima lettera noi l'abbiamo capita così, cioè, come un appello a lottare insieme
per affrontare, risolvendo assieme, anche i problemi immediati ma decisivi, quali l'as-
senza di un alloggio e di un reddito. Per esempio, la mancanza dell'alloggio può essere
vinta dall'occupazione di una casa...
***

Compagni/e di Olga, dal TG, sentendo dire da Emma Bonino e Marco Pannella, che dal-
l'inizio dell'anno ci sono stati in carcere cinquanta suicidi, di persone detenute, esseri
umani, giovani, se va bene, tenute in "carceri", prigioni medioevali, per come sono
costruite e gestite. Queste cose a me, perché le vivo, mi toccano nel cuore, mi fanno
vergognare, scusate se lo dico, di essere italiano. Una nazione, l'Italia, che tratta meglio
gli animali degli esseri umani.
Una volta, quando ero più giovane, guardando i cartoni animati Simpson, me la ridevo,
scoppiavo dal ridere per l'assurdità, la pazzia, di come si viveva a Springfield. Oggi, con
un sorriso amaro, realizzo che in Italia la vita è come vivere nei Simpson, però tutto ciò
non fa più ridere, anzi fa piangere. Siamo consci che ragazzi giovanissimi sono in car-
cere per un pezzo di haschisch (fumo) che fumano loro stessi, al massimo con gli amici.
Questi ragazzi, arrestati come "mafiosi", sono entrati in carcere e ne sono usciti sdraia-
ti, con i piedi avanti. E' stato lo stato italiano mafioso ha fargli il cappotto di noce. Sì, lo
stato li ha messi nella condizione di uccidersi con le proprie mani. Questo è uno stato
assassino. E tutto questo alla popolazione italiana scivola addosso, come l'acqua. Posso
solo dire: vergogna. Compagni/e vi lascio con la penna, ma non con il cuore, un gros-
so abbraccio da Adriano.

28 settembre 2011
Adriano Levratto, via Valle Armea, 144 - 18038 - S. Remo (Imperia)
Cento detenuti morti in sei mesi: il numero mai raggiunto nella storia penitenziaria italia-
na […] una lista che giorno dopo giorno inesorabilmente si allunga: nei primi 183 giorni
del 2011 (esattamente metà dell'anno solare) nelle carceri italiane hanno perso la vita 100
detenuti: 32 si sono "suicidati"; dei rimanenti 68 (età media 35 anni) circa la metà è dece-
duta per "malori improvvisi" legati a disfunzioni cardiache, respiratorie, etc., mentre su 23
casi sono in corso inchieste giudiziarie miranti ad accertare le cause dei decessi.
Se l'andamento dovesse proseguire anche nella seconda metà dell'anno a fine 2011 si
registrerebbe il numero più alto di decessi della storia penitenziaria italiana, superando
anche il "record" del 2010, quando si registrarono 186 "morti di carcere".
Nel 2006 e nel 2007, quando per effetto dell'indulto la popolazione detenuta era torna-
ta nei limiti di capienza previsti per il sistema penitenziario, i detenuti morti furono
rispettivamente 134 e 123 (minimo del decennio).
Dal 2000 ad oggi il totale dei detenuti morti è di 1.847 (658 i suicidi)…
Dati elaborati dal Centro Studi di "Ristretti Orizzonti" - Padova

LETTERA DAL CARCERE DI OPERA (MILANO)
"SUICIDI", REPARTO DI ISOLAMENTO-CELLA LISCIA-TORTURA
Ciao a tutte e tutti, mi trovo ancora nel reparto isolamento; non sono più nella cella liscia
(cioè, senza alcun suppellettile, solo pareti e pavimenti nudi). Nel frattempo nella cella
liscia sono già passati altri. L'altro giorno è arrivato un ragazzo arabo, lo hanno portato
lì dal centro clinico dove aveva fatto casino. E' classificato AS2, gli manca una mano, ha
il volto sfigurato ed è cieco. Quando si è fatto sera questo ragazzo ha chiamato la guar-
dia, gli ha chiesto un maglione perché aveva freddo, ma la guardia gli ha risposto di non
chiamarla e "non devi rompere il cazzo".
La cella liscia funziona in questo modo: finestra chiusa con bulloni di ferro, niente len-
zuola, niente armadietto, nemmeno porta del bagno, tavolo, sgabello e vestiti; è peg-
gio che stare nei manicomi. Le disposizioni dicono che al detenuto non si può dare nien-
te fino alla visita dello psichiatra.
Il ragazzo ha chiesto il maglione sabato, la visita psichiatrica è il martedì e il giovedì.
L'indomani sono passato all'azione diretta: mi sono messo a udienza con il capoposto,
gli ho raccontato l'accaduto, ho chiesto di trasferire il ragazzo in un reparto adeguato e
di fargli avere un piantone; nell'occasione mi ha consentito di indossare dei guanti e di
lavargli i panni sporchi. Mentre lavavo i panni in doccia con il detersivo sono passati dei
secondini che hanno preso a sfottermi: il lavandaio, il lavandaio…
Queste sono le prigioni italiane, queste sono le patrie galere, e siccome noi siamo senza
patria queste galere le distruggeremo!
Saluti ribelli, un saluto a pugno chiuso a tutti e tutte, l'anarchico William

28 settembre 2011
William Antonio Pilato, via Camporgnago, 40 - 20090 Opera (Milano)

LETTERE DAL CARCERE DI CARINOLA (CE)
Carissimi compagni, […] Dopo quasi un mese di lotta, in cui sono state fatte battiture
di tre giorni, abbiamo terminato. La lotta era per l'acquisto della spesa. Ma non solo.
Anche per la poca vivibilità che c'è in questo carcere e anche per la solidarietà a Marco
Pannella, per l'abolizione dell'ergastolo e per l'amnistia per i reati minori e per aiutare
quella fascia di detenuti che potrebbero uscire subito.
Lo abbiamo più volte ribadito: le carceri sono diventate discariche dove rinchiudere
esseri umani indesiderati, persone che non hanno commesso alcun reato, che cercano
solo di sopravvivere, che cercano il diritto a una vita dignitosa.
Da molti anni la Gozzini è tecnicamente cancellata e i giudici non concedono più misu-
re alternative alla detenzione carceraria.
Ancora peggiore è la situazione di chi ha pene lunghe, al di là di qualsiasi ipocrisia
democratica, è lo stesso art. 27 della Costituzione che viene deriso! Niente benefici o
programmi di formazione lavorativa. Nessuna prospettiva per il futuro.
Si parla spesso di costruire ancora più carceri, e non riescono a trovare alternative, la
soluzione è molto facile: aprire le porte delle carceri e fare uscire la gente. E' ignobile
tenere persone in questi posti di sofferenza, perché per ogni uomo, anche un solo gior-
no trascorso qui dietro le sbarre, è un giorno di troppo, perché gli uomini devono vive-
re liberi, quindi è un oltraggio a quella libertà e dignità umana la cui difesa esige l'inter-
vento attivo di tutti.
Altro problema, che tocca i carcerati: gli stipendi mensili, la "mercede", di chi lavora den-
tro sono stati dimezzati. Sono una miseria, regolati da non si sa quale contratto sinda-
cale. Si sa come vanno le cose, è tutto un mangia-mangia tra ragioniere-impresa-dire-
zione. Tutti sanno questo, ma a nessuno interessa. Oggi tutti si scandalizzano per la
situazione delle carceri ma nessuno fa qualcosa di concreto oltre a blaterare false pro-
messe. Dopo che è passato il momento di risonanza sulle carceri, si spengono i rifletto-
ri e rimane tutto come prima. Non cambia nulla.
Saluti a tutti da Mario e Antonino.

14 agosto 2011
Antonino Faro, v. S. Biagio, 6 - 81030 Carinola (Caserta)

“SI MUORE NELL'INDIFFERENZA
Siamo un gruppo di persone detenute nella sezione F del carcere di Carinola e viviamo
confinati in celle le cui dimensioni non superano gli 11-12 metri quadri. E, si badi, che
in questi metri quadri sono inclusi gli spazi occupati da quattro brande e relativi arma-
dietti (in gergo, bilancette), le finestre sono poste in alto e con vetri opachi, che non
consentono la visione diretta all'esterno, l'illuminazione della cella è insufficiente e non
consente di leggere e studiare agevolmente. I servizi igienici non rispettano la dignità
delle persone e in questa condizione siamo costretti a vivere per 20 ore al giorno.
I materassi e i cuscini (in realtà delle spugne) sono sporchi e maleodoranti, nonché pieni
di batteri e microbi e dio sa cos'altro e quando sei costretto a dormirci per anni, non è
questione da poco, ma si tramuta in un vero problema di salute con sviluppo di patolo-
gie, che vanno dalle allergie gravi alle patologie respiratorie.
I colloqui con i nostri familiari si svolgono in locali inadeguati (un sudario d'estate, una
cella frigorifero d'inverno) con un muro divisorio di mussoliniana memoria, che impedi-
sce anche un semplice abbraccio ai nostri cari, con sgabelli fissi in cemento a spigolo
vivo, che sono un pericolo per i nostri bambini.
Una situazione sanitaria che definire da Terzo Mondo è un eufemismo, basti dire che in
questo carcere si muore tra l'indifferenza generale: tre i casi da novembre 2010 a oggi.
Dulcis in fundo, un'ottusa visione di lombrosiana memoria dell'esecuzione penale da
parte dell'illuminata direzione del carcere, non consente alcun tipo di percorso rieduca-
tivi a cui la pena dovrebbe tendere, così come previsto dall'art. 27 della Costituzione”.
I prigionieri della sezione AS1, sempre di Carinola, condividono il comunicato e aggiun-
gono: inoltre, dove ci troviamo noi i passeggi sono chiusi anche in alto con una rete di
ferro, la stessa installata alle finestre delle celle. Questa rete rende molto difficile la
visione verso l'esterno. Da un anno non ci portano più al campo sportivo, non c'è più
(al suo posto hanno costruito una nuova sezione).
21 settembre 2011
Antonino Faro, via S. Biagio, 6 - 81030 Carinola (Caserta)

UN SALUTO DAL CARCERE TERNI
[…] per il resto, direi che sono ancora in gamba, come penso di voi. Qui dalla speciale
routine del 41-bis seguo con immenso interesse le vicende del mondo e di questo mera-
viglioso paese, per cui, Hasta la Victoria Siempre!
Saluto voi tutte e tutti, con stima, ciao Roberto

18 settembre 2011
Roberto Morandi, v. Delle Campore, 32 - 05100 Terni
LETTERA DAL CARCERE DI NUORO
Cari compagni, non sapendo la disponibilità che avete, metto più titoli (nella richiesta di
libri). Ciò che fate è molto bello, ricordo quando stavo a 41-bis, solo tre libri in cella,
proprio per cercare di spegnere il cervello. Grazie.

11 agosto 2011

LETTERA DAL CARCERE DI CAGLIARI
Carissimi compagni […] Qui a Cagliari (Buoncammino) oltre alla battitura, sciopero del
carrello, non si è risolto proprio niente! A mio modesto parere, penso sia inutile dar retta
all'amico Pannella perché sta predicando nel deserto! Viviamo una situazione di strapo-
tere politico-giudiziario, e per questo vi dico che se non adottiamo proteste più drasti-
che non otterremo mai niente di concreto! Addirittura il nostro "illustrissimo" direttore,
tale dott. Pala, ha riferito alla testata giornalistica "L'Unione Sarda" che le nostre fievo-
li proteste, fatte con tutta la rabbia da parte del 60% dei detenuti, non hanno sortito
nessun effetto, anzi! E' stato solo controproduttivo e non abbiamo ottenuto niente!
Cari compagni, qui c'è carenza di tutto! A cominciare dalle carenze igienico-sanitarie e
da tutto ciò che ne conviene.
Il mio modesto consiglio che posso dare a tutti voi, sperando in un tam tam, sarebbe
quello di dare una svolta al sistema lavorativo all'interno del carcere, scopini, portavit-
to, cucina, muratori e idraulici pagati una miseria e trattati come schiavi, sarebbe utile
rifiutarsi categoricamente di farlo, così da obbligare le istituzioni carcerarie a portare
degli esterni, che dovranno pagare il triplo.
Anche se, facendo questi scioperi delle mansioni, noi detenuti andiamo incontro a delle
"punizioni", tipo, negazione dei permessi o perdita giorni (di libertà anticipata) che legal-
mente ci spettano, ma chi se ne frega. Lotteremo sempre. Il mio invito sarebbe di orga-
nizzarci a breve termine, massimo due mesi, cioè a novembre. A chi non rispetterà que-
sta nostra giustificata protesta e si abbassa ai ricatti della direzione penitenziaria, dobbia-
mo dire, far capire, da che parte stare. O con noi o con le istituzioni!!! Perché ogni gior-
no dobbiamo patire le angherie da parte loro che ci vogliono piegare, anche se non otter-
ranno mai risultati positivi! Lottiamo fino allo stremo e facciamo valere i nostri diritti!
Vi invio tanti cari saluti e tanta solidarietà… grazie di esistere! Davide

22 agosto 2011
Davide Matta, v.le Buon Cammino, 19 - 09123 Cagliari


COMUNICATO LETTO IN AULA DI TRIBUNALE DA UN PRIGIONIERO "SOCIA-
LE" SARDO CHE LO HA CONDANNATO A 12 ANNI DI RECLUSIONE
Come sempre il Tribunale si rivela come teatro autoritario, portato avanti dalla violenza
istituzionale, dove giudici e pm sputano, le loro sentenze e accuse. Vorrebbero farmi
credere che il problema sia io, imponendo con la forza l'esistenza dello stato, come se
tutto questo fosse una cosa normale e giusta. E ora mi rinchiudete perché così ha deci-
so l'ordine democratico dittatoriale. Ve ne fottete anche del vostro linguaggio sul tanto
proclamato stato di diritto che lo manipolate arbitrariamente. Non riconosco dunque
l'autorità di questo Tribunale derivata da un'ideologia repressiva e assassina.
Siamo tutti dei prigionieri sociali, incatenati, dai falsi valori di questa società liberticida,
col potere mediatico che sodomizza le menti, col ricatto salariale spacciato come unico
sbocco per il futuro, che permette di rateizzare la vita, tra idolatrie di consumo, princi-
pi di obbedienza, alinazione quotidiana, desideri artificiali, persecuzioni, e violenze rea-
zionarie di sbirri in divisa e non che devono sempre anche preventivamente reprimere
per proteggere l'ego privato e borghese costruito sulla logica di profitto e di controllo.
Una vita di merda in un'immensa galera a cielo aperto. Anche questo tribunale, così
come tutti gli altri, é l'espressione di quel potere di quella classe dominante che gover-
na le nostre esistenze a discapito dei disadattati, che rende funzionale tutto il sistema
imperialista di oppressione e che realizza il concetto della legge per rappresentare se
stessa, autoproclamandosi come potere assoluto. Ribadisco ciò che ho dichiarato nell'in-
terrogatorio di convalida, ritenendomi prigioniero sociale, e aggiungo, fino a quando non
ci libereremo delle catene che ci opprimono.

6 luglio 2011
Davide Delogu, viale Buoncammino, 19 - 09123 Cagliari

LETTERA DAL CARCERE DI REGENSDORF (SVIZZERA)
Carissime/i compagne/i di Olga […] scusatemi se mi faccio vivo solo adesso dopo tanto
tempo, ma sono stati mesi belli intensi di robe e avvenimenti. Solo di recente sto rimet-
tendo mano alla corrispondenza che nel mentre si è accumulata, dai mesi scorsi in cui
avevamo ancora le forti restrizioni […]. Spero che stiate tutte/i bene, da stampati inter-
net e notizie che raccolgo dalle lettere, sento sempre dell'importante lavoro che viene
fatto su dalle vostre parti, soprattutto con momenti solidali fuori dalle carceri.
In questi giorni si sta celebrando a Bellinzona il processo alla corte del tribunale fede-
rale contro Andi. La stampa sta dando molto risalto al processo. Il procuratore ha chie-
sto 4 anni e mezzo ma per il verdetto ci sarà da aspettare l'8 novembre. Hanno prefe-
rito evidentemente dare la sentenza fuori dal "corpo del processo", dove i momenti soli-
dali si sono fatti sentire come sempre e il senso politico dello stesso è stato espresso
dalla dichiarazione della compagna.
Un forte abbraccio a tutte/i voi. Costa.

29 settembre 2011
Costantino Ragusa, Poeschwies Post Fach 3143 - 8105 Regensdorf (Schweitzerland)

SOLIDARIETÀ ALLA COMPAGNA ANDI
Dal 28 al 30 settembre si è svolto, al tribunale federale di Bellinzona, il processo alla
compagna Andi militante del Revolutionaerer Aufbau e del Soccorso Rosso
Internazionale. La compagna è accusata di varie azioni/attacchi incendiari e pirotecnici
contro polizia e rappresentanze straniere in terra elvetica (spagnole, greche, israeliane).
Questi attacchi, che si sono susseguiti per diversi anni, sono stati tutti rivendicati dal
gruppo clandestino "Per una prospettiva rivoluzionaria". L'accusa ha chiesto quattro anni
e mezzo, l'udienza per la sentenza non è ancora stata fissata.
Ad Andi ci lega un percorso di anni, percorso nato, cresciuto e sviluppatosi all'interno di
una comune e condivisa volontà di sostenere i compagni prigionieri, perché non venga
interrotto quel filo che a loro ci unisce. Iniziato con Marco Camenisch, dopo la sua estra-
dizione in Svizzera e proseguito fino ad oggi con la nostra presenza al suo processo, pas-
sando per la lotta in solidarietà a Silvia, Costa e Billy.
Non ci dilungheremo nel rimarcare le capacità straordinarie, l'umanità e la determina-
zione di questa compagna, caratteristiche ben note a chi ha avuto la fortuna di cono-
scerla. Quello che ci preme riaffermare oggi è quel percorso nato anni fa, unendo la
nostra solidarietà a quella espressa a livello internazionale, riconoscendo in tale pratica
un collettivo e necessario patrimonio all'agire rivoluzionario. Convinti ancora più di prima
che sia necessario, di fronte agli attacchi repressivi del nemico, che le diverse compo-
nenti rivoluzionarie rispondano unitariamente aldilà delle differenze, dell'ideologia e del
progetto che caratterizza il loro intervento di lotta.
Andi è una parte fondamentale di questo percorso che sta crescendo ed è anche per
questo che vogliono colpirla. Questo processo rappresenta l'evidente volontà di inter-
rompere e disgregare le relazioni solidali, umane e politiche tessute in questi anni, rap-
presenta la volontà di interrompere il legame tra chi lotta dentro e chi lotta fuori, rap-
presenta la volontà di voler intimorire le nuove generazioni di compagni che si formano
e crescono in continuità con le precedenti.
Questa strategia repressiva non è certo una novità in Italia, ma per la Svizzera rappre-
senta uno dei primi tentativi di mettere sotto processo l'identità rivoluzionaria dei com-
pagni. Quello che viene giudicato in questi giorni non è soltanto la compagna comuni-
sta Andi ma anche tutti quegli individui e realtà che hanno condiviso e tutt'ora condivi-
dono con lei la medesima tensione di rivolta. L'apparato repressivo, che si alimenta
anche delle divisioni interne al movimento, spera colpendo Andi di recidere quel filo di
resistenza, lotta e solidarietà che si è tessuto in questi anni, facciamoli intendere, in
maniera forte e chiara, che non sarà così.
Invitiamo tutti a manifestare la propria vicinanza e complicità in questi giorni prima che
la corte si pronunci sul verdetto. Solidarietà con Andi! Solidarietà con Marco, Silvia,
Costa e Billy! Solidarietà a tutti i prigionieri rivoluzionari.

3 ottobre 2011
Anarchici e Anarchiche di via del cuore, Il Silvestre

LETTERE DAL CARCERE DI PRATO
Seguono alcune lettere dal carcere di Prato dove viene spiegato come è stato vissuto il
presidio del 10 settembre.
Ciao carissimi ragazzi mentre scrivo queste parole voi siete qui sotto il carcere. Sono
molto contento che siate venuti per combattere per noi e per tenerci un po' di compa-
gnia. Proprio ora ho preso una denuncia per istigazione alla rivolta. Ragazzi, qui nella
5asezione siamo i soliti due che ci rimettiamo sempre, perché siamo quelli che non sop-
portano le minacce di questi secondini di merda. L'altro agisce con molta intelligenza, io
invece quando litigo con loro non ho un confine e degrado sempre la situazione, finisco
sempre nei grossi guai e mai per una cosa che riguarda direttamente me, ma sempre
per i miei compagni detenuti.
Ragazzi, se non vi offendo vorrei tanto farvi una domanda. Oggi avevate paura a man-
darmi un saluto in base al mio alias? (che è Bernardo Provenzano) capisco che è un alias
molto pesante. Nella mia prima lettera vi avevo detto: spero di non essere rifiutato
anche da voi, come mi ha già mi ha già rifiutato la società. Non sono un bravo oratore,
non sono bravo con le parole. Preferisco i fatti. Qui ci sono tanti ma tanti oratori bravi,
ma quando devono prendere parte per qualche compagno più debole non lo fanno, si
fanno i fatti loro. Dicono: perché devo prendere un rapporto e perdere 45 giorni in un
semestre? Perché non sopporto la loro arroganza. E mi dicono: perché non ti fai i c...
tuoi? No, no, miei carissimi. Perché anarchico e ribelle si nasce e non si diventa.
Sono così dalla nascita, non parlo faccio parlare per me la 15 colpi 9x21 e l'AK 47, con-
tro questo stato di merda e gli sbirri di Milano - che gli va troppo bene. Ragazzi, se non
sono bravo a scrivere, ricordate che sono vivo e forte, non dimenticate che io ci sono
sempre. Se vi va di farmi un regalo, che mi dia ancora più carica, mandate un cd con
canzoni come questa che ci avete fatto sentire "Non mi avrete mai", così mi rilasso un
po' anch'io. Ora vi lascio con la penna; vi mando un sincero e caloroso abbraccio.

10 settembre 2011
Gjinkolas Etmond, v. La montagnola, 76 - 59100 Prato
***

Salve sono Rosario di 34 anni, ho deciso di scrivervi poiché sono recluso dal 23 maggio
e vivo una situazione paradossale.
Colpito da ictus in data 1 novembre 2010, sottoposto a trattamento "trombolisi", rico-
verato presso il presidio ospedaliero di Vibo Valentia. Entrato in carcere faccio presente
il tutto ai sanitari e, ad oggi, ho avuto un ricovero, un ingresso in PS per "TIA" (Attacco
Ischemico Transitorio), senza contare tutti quelli avuti in sezione e in cella, circondato
da dottori che spesso fanno battute, fino a dirti che fingi, senza prendere i casi per il
verso giusto.
Alla Dogaia la sanità non è presente. Mi sono segnato a visita medica e per ben due
volte non sono stato chiamato. Ti fanno fare le visite e per avere notizie sul da farsi devi
fare denunce a mezzo avvocato oppure sciopero della fame. I medici e il dirigente sani-
tario prendono tutto alla leggera. Posso solo affermare che ho presentato molte doman-
dine per parlare con il dirigente sanitario, ma non si è mai degnato di farmi sapere qual-
cosa in merito al mio stato di salute. Non capisco come possano giocare con la vita delle
persone. Questo, credo, sia loro concesso perché hanno troppo potere, credono che i
detenuti siano animali, ma i veri animali sono loro.
Ultimo episodio. E' successo stasera. Sono allergico alla tachipirina, alla richiesta di un
antidolorifico, mi viene risposto che non possono dare altro se non la trachipirina.
Devono vergognarsi.
Sono in cella con Domenico che vi saluta tanto (ricambiamo con forza, auguri da noi
tutte e tutti), ora vi lascio con un abbraccio al compagno Valerio, a voi, Vincenzo.

10 settembre 2011
***

Cari compagni e compagne di Ampi Orizzonti, […] vi aspettavamo alle 5 del pomerig-
gio: il ritardo non ha affievolito la nostra speranza! Da tempo sapevamo che dovevate
tornare; la domanda che martellava la nostra esistenza qui dentro era: verranno?
Il vostro primo presidio/concerto aveva lasciato in noi energia positiva, aveva dato la
prova che non siamo soli a lottare, ma soprattutto aveva risvegliato in noi la voglia di
lottare soppressa e annientata dall'arroganza e dalla prepotenza dei nostri aguzzini,
nonché da un sistema carcerario che a mio parere tende solo alla distruzione.
Alle nostre finestre, la vostra visita ha avuto libero accesso perciò, tranne qualche striscio-
ne illeggibile, non mi dilungherò a raccontare. (Degli striscioni) invece appesi ai cancelli
(delle celle) non avete visto nulla, perciò mi soffermo, anche se c'è poco da raccontarvi.
Stranamente le guardie non ci hanno detto niente di niente. E' passato solo l'ispettore
del reparto per farci togliere le bandiere degli Stati di appartenenza, perché, a suo dire,
fanno scattare l'allarme in sorveglianza! Boh, gli striscioni non fanno scattare l'allarme,
le bandiere sì! Ma sono proprio guardie, non sanno nemmeno mentire!
O forse perché la mia è una bandiera albanese e quella di un mio vicino di cella è del
Senegal? Mi sa che l'ispettore ha voluto mascherare una chiara espressione di razzismo,
senza successo. Forse, non lo so, fatto stà che la mia bandiera ha sventolato a dispet-
to delle merde che volevano il contrario!
Come avete visto e sentito pure voi, abbiamo fatto un gran baccano, bruciato, e, stra-
namente, le guardie non ci hanno detto niente; ci hanno solo guardato! Non sarà che
domani ci arriva la sorpresa? Anche perché, nonostante qui dentro si cerchi di "convi-
vere" con loro, sono così infami che Giuda in confronto era un signore.
Voi, invece, nonostante foste meno numerosi avete portato la stessa carica di adrenalina,
avete portato la stessa gioia e lo stesso calore umano. Con la musica e con le parole ci
avete tenuti carichi tutto il tempo trascorso, nonostante divisi da quel muro maledetto.
La telefonata in diretta dai domiciliari ha fatto riflettere tanti di noi; ed è stata significa-
tiva anche per me che mi ero quasi illuso, non trovando, giustamente, questo governo,
un'alternativa a amnistia e indulto, per un intervento necessario all'ormai in tollerabile
sovraffollamento che investe i lager italiani e il carcere di Prato.
Di fatto, tra noi abbiamo parlato e riparleremo per dare un'efficiente risposta a un even-
tuale risposta negativa alla domanda di amnistia e indulto avanzata e sostenuta da
Pannella. E a questa speriamo si aggiungano altre carceri d'Italia perché, nonostante il
motivo per cui siamo qui, abbiamo il diritto a scontare la nostra pena con dignità.
Per quanto riguarda il presidio/concerto, la musica e il trattenimento, è stato graditissi-
mo. Molti di noi sono rimasti sorpresi dai fuochi d'artificio. E' stata una gradita sorpresa.
Qui chiudo la mia lettera, ringraziandovi di cuore assieme a tutta la 5asezione. Questa
volta lo dico io: ALLA PROSSIMA! Non importa in quanti siamo a lottare, l'importante è
lottare! Saluti per tutti coloro che lottano. A testa alta fino alla fine.

11settembre 2011
Mirgen Krepi
P.S. riporto le scritte su alcuni striscioni:
Libertà per i gladiatori NoTav; In culo allo stato; Stato killer; Stato assassino; Il leone è
ferito, ma non è morto.
***

Cari compagni, chi vi scrive è Toni cà maddalena (di Napoli) e ieri sera ho ascoltato la
vostra musica, soprattutto le vostre parole scandite davanti a questa merda di carcere,
dove mi hanno imprigionato con il loro sistema del cazzo coloro che detengono il potere.
Il vostro gesto ci ha dato una carica di energia a tutti, ma questa è solo una piccola goc-
cia. Ci vorrebbero azioni più forti e decisive, ma la società non ancora pronta ad accet-
tare l'idea che persone imprigionate possano tornare a vivere una vita normale.
Vi voglio chiedere se la prossima volta che ci fare visita, vi tratterete dall'altra parte del
carcere, dove ci sono le sezioni pari. Vi garantisco che saremo molto più calorosi, nel
senso letterale della parola. Ci conto.
Questa lettera non ve la manda un assassino, ma un ragazzo sfortunato di 22 anni a cui
piaceva e piace fumarsi qualche canna in tranquillità; per questo mi hanno arrestato con
l'accusa di "coltivazione illegale di canapa indiana", che non ho capito cosa aveva di
indiano, visto che la terra, l'acqua e il sole erano di Napoli.
Un bacione a tutti, in particolare alle ragazze, a presto. Hasta la Victoria Sempre!

11 settembre 2011
Antonio Piedimonte
***
Ciao ragazzi, mi chiamo Manu, sono di Parigi […] siete troppo forti a venire due volte a
trovarci. E' come una bolla di ossigeno, per tutti noi.
Essendo di Parigi sono cresciuto a pane e hip-hop e mi ha fatto strippare sentire il track
di Cut -Killer "La Haine", tanti ricordi per me.
Non vi conosco però vi capisco di brutto. Ho passato più di 10 anni nell'underground a
organizzare free-party con i Kamikaze Sound System, una posse di stranieri; abbiamo
pure fatto alcune feste memorabili a Milano, e siamo stati parcheggiati con il camion alla
cascina di via Ripamonti un posto occupato per anni, però credo che lo hanno chiuso
dopo un blitz (sì, purtroppo è proprio così).
Sono qui da 2 anni e mezzo per qualche spinello di troppo, cazzo di legge Fini-
Giovanardi; spero di uscire prima della vostra prossima visita. Ho ancora un anno da
tirare e penso di andare ai domiciliari a Firenze - e se non esco, sarò contento di risen-
tirvi. Portateci qualche birra la prossima volta…ah…ah…ah…

14 settembre 2011
Manu Del Campo
***

Carissimi/e compagni/e di Ampi Orizzonti, ho seguito su radio radicale le comunicazioni
e il conseguente dibattito sul sistema carcerario e sui problemi della giustizia (il giorno
21 settembre) e vorrei replicare, consapevole che non mi leggeranno, al ministro Nitto
Palma e al senatore Vallardi della Lega Nord.
Dal presidio siamo stati informati che Nitto Palma è un burattino di Berlusconi, messo
su quella poltrona affinché non venga arrestato il suo boss; e quindi nulla di buono c'è
da aspettarsi da questo governo e dal suo sistema.
Tanti interventi dei senatori sono sembrati pro-indulto/amnistia; gli interventi di questa
gente, facente parte di una classe politica (a mio parere da rottamare) sembravano
avere la forma della redenzione davanti al creatore, più che essere segni o simboli di
assunzione di responsabilità da parte di una classe rappresentativa, che della civiltà e
della giustizia ne sa pronunciare solo i nomi. Parole, discussioni e soprattutto riflessio-
ni, la cui unica funzione è di rendere ridicoli gli eletti dal popolo sovrano. Eppure lo
sanno, ma tendono a destreggiarsi, sempre. L'intervento che mi ha colpito di più è stato
25
quello del senatore Vallardi, il quale invita a far lavorare i prigionieri, facendo loro puli-
re i boschi, o tagliare l'erba lungo i fossi o ai bordi delle strade, anche perché al suo
governo costiamo 10 milioni di euro al giorno. Siamo, secondo lui, una risorsa di mano
d'opera da sfruttare, pure negli ultimi tre anni - che potremmo giustamente e per dirit-
to scontare in affidamento ai servizi sociali con un lavoro dignitoso e con un altrettanto
dignitoso stipendio.
Insomma, rispuntano le idee (peraltro già attuate nell'ambito carcerario, ma come lavo-
ro di volontariato, per poter beneficiare di qualche permesso) di un capitalismo che i pri-
gionieri non si limita a ucciderli e a succhiar loro il sangue, ma vuole anche il loro midol-
lo osseo. Senza vergogna e senza pensarci sopra, quel senatore ha detto: "chi sbaglia
deve scontare ed espiare interamente la pena per risarcire la comunità danneggiata dal
proprio comportamento delittuoso."
E i millecinquecento prigionieri uccisi dallo stato negli ultimi dieci anni? Chi è che risar-
cisce le loro famiglie? Ma, soprattutto, lo stato espierà interamente la pena per la lugu-
bre contabilità che il DAP tiene nei suoi lager.
Vallardi è come un senatore-Caino che si veste di onore e gloria davanti ai suoi simili e
che durante il mese di agosto li invita a visitare i cimiteri delle vittime di reato [il sena-
tore probabilmente si riferiva agli "stati socialisti" di un tempo, ndr], anziché le prigio-
ni italiane.
E i millecinquecento Abele uccisi dallo stato, chi è chi li visita? Ma questo stato non ha
mai fatto l'esame di coscienza nei confronti delle vittime di reato in Italia? Chi ha con-
dotto Caino a uccidere Abele?
Pensandoci bene forse è colpa di questo sistema messo in piedi da uno stato senza scru-
poli, che del potere fa uno strumento per arricchirsi, anziché servire il suo sovrano elet-
tore. Un sistema basato su sfruttamento, repressione e ingiustizie, non deve mai atten-
dersi dai suoi lager uomini adeguatamente recuperati, ma bensì uomini che, durante le
ingiustizie e le prevaricazioni subite passivamente non hanno fatto altro che affilare il
coltello del loro riscatto!
Un saluto a voi e ai prigionieri che lottano. A testa alta fino alla fine!
23 settembre 2011
Mirgen Krepi, via La Montagnola, 76 - 59100 Prato

DA UNA LETTERA DAL CARCERE DI VELLETRI (ROMA)
Cari compagni/e, […] Qui è la solita rottura, non si lavora, non si frequentano scuole,
ogni tanto arriva la Digos a perquisire la cella e tutto fila nella più assoluta monotonia.
Grazie all'opuscolo mi è permesso di conoscere le altre realtà carcerarie, corrisponde-
re con alcuni prigionieri e così tenere vivo quel po' di umano che il carcere ancora non
ha annientato.
Anche se in ritardo, esprimo la mia gioia per i compagni e le compagne del Fuoriluogo,
che hanno ottenuto gli arresti domiciliari. Provo invece profonda tristezza nel leggere
della morte del compagno (Luigi Fallico, trovato morto nel carcere di Viterbo) avvenuta
il 23 maggio 2011, dopo due anni di carcerazione, senza che fosse oltretutto intervenu-
ta una sentenza.
Il mio pensiero va ancora a lui, anche se non lo conoscevo personalmente e ai suoi fami-
liari che si sono visti strappare un proprio caro dal carcere.
Anche a Velletri, circa un mese fa è morto un detenuto, non ha sopportato il caldo infer-
nale e non ce l'ha fatta. Tutto è stato fatto passare in silenzio. Si è saputo pochissimo,
è stato ricordato a Messa, nient'altro di più.
Ecco, queste sono le profonde tristezze che genera il carcere, in barba a una presunta
giustizia ed agendo nel pieno dell'illegalità. Colgo l'occasione per solidarizzare con i
detenuti e le detenute… solidarizzo inoltre con il Movimento NoTav, ultimamente preso
di mira dal "nostro" ministro Maroni.
Un abbraccio fraterno a tutti/e.
Andrea Orlando, v. Campo Leone, 97 - 00049 Velletri (Roma)
***

AGGIORNAMENTI DA BOLOGNA
Cogliamo llo spunto di quest’ultima lettera per dare un aggiornamento da Bologna.
Ricordiamo che il 6 aprile 2011 un'operazione di polizia aveva portato ad una sessanti-
na di perquisizioni in tutta Italia, con accuse fumose e inconsistenti.
Con l'accusa di “associazione a delinquere” erano finiti in carcere in cinque, due com-
pagne e tre compagni, accusati di aver promosso, organizzato e diretto un'organizza-
zione che si ritrovava al Fuoriluogo (i cui locali vennero e sono tuttora posti sotto seque-
stro) finalizzata al compimento di violenze, lesioni, danneggiamenti e manifestazioni non
autorizzate. A maggio c'era stato un altro arresto con le stesse accuse. A metà luglio
però le compagne ed i compagni erano stati messi ai domiciliari con pesanti restrizioni
(divieti d'incontro, divieto di utilizzare telefoni, divieto di corrispondenza ecc.). Ora final-
mente sono tutti liberi per scadenza dei termini anche se con obblighi di firma o di dimo-
ra. Resta ancora in carcere la compagna arrestata a maggio. A tutte e tutti loro un caro
abbraccio e tutta la nostra solidarietà!

LETTERA APERTA ALLA CITTÀ DI COMO SUL CARCERE BASSONE
Buongiorno a tutti e a tutte, siamo il Collettivo Dintorni Reattivi, un gruppo di ragazzi e
ragazze di Como e provincia. Tra i vari ambiti di cui ci occupiamo ci interessiamo da circa
due anni del carcere Bassone, in particolare delle condizioni di vita dei detenuti.
Stanchi dell'indifferenza nei confronti del carcere che regna in città, abbiamo deciso di
impegnarci in prima persona per contrastare l'isolamento, cercando informazioni, intes-
sendo relazioni con familiari e amici e creando contatti diretti con i detenuti.
Per riuscire in questo intento abbiamo iniziato ad andare al Bassone tutte le settimane,
durante gli orari dei colloqui, per distribuire volantini e chiacchierare con i parenti in
attesa di incontrare i propri cari. Grazie a ciò abbiamo ottenuto dei contatti a cui scrive-
re le cui testimonianze ci hanno spinto ad organizzare dei presidi di solidarietà fuori dalle
mura, che ora organizziamo mensilmente.
Le informazioni ottenute sono molte e ci mostrano come le condizioni detentive siano al
limite della violazione dei diritti fondamentali dell'uomo. I detenuti con cui riusciamo ad
avere una corrispondenza ci raccontano che sono costretti a vivere stipati come sardi-
ne, che spesso manca l'acqua e in ogni caso non è sufficiente a garantire l'igiene per-
sonale quotidiana, che le pareti di docce e celle sono ricoperte di muffa e che il caldo
torrido estivo e il gelo invernale mettono continuamente a rischio la salute dei detenu-
ti, senza parlare dell'assistenza sanitaria che risulta spesso inefficace a causa della cro-
nica carenza di personale e delle condizioni in cui versa la struttura carceraria. I medi-
ci, dipendenti dell'ospedale S. Anna, in servizio all'interno del carcere parlano di un
ambulatorio dai muri scrostati, quindi totalmente anti-igienici, di visite ed interventi ese-
guiti con giacca e guanti, poiché il riscaldamento non consente una temperatura supe-
riore ai 15 gradi, e la continua carenza di personale li obbliga a turni che compromet-
tono il loro operato e a mansioni di non loro competenza.
Alle pessime condizioni di vita si aggiunge la quasi assenza di momenti e spazi aggre-
gativi e di socialità, unita alla difficoltà nell'ottenere colloqui con il personale educativo
e assistenza psicologica.
A tutto questo si aggiungono le restrizioni introdotte durante il periodo di direzione di
Maria Grazia Bregoli, la quale ha dimezzato l'ora d'aria (da 2h a 1h) e ha imposto note-
voli limitazioni riguardo l'ingresso di cibo nell'istituto. È infatti da oltre un anno che è
permesso introdurre solo cibi sottovuoto e di produzione industriale, quindi non posso-
no entrare cibi e pietanze cucinati in casa o prodotti artigianalmente, aggravando così
ulteriormente il peso economico del denuto sulla propria famiglia. Questo evidentemen-
te è un disumano espediente per garantire un guadagno per le casse del carcere dato
che i detenuti sono costretti ad acquistare tutto ciò di cui hanno bisogno all'interno, con
prezzi maggiorati rispetto all'esterno. Ora la signora Bregoli se n'è andata dal Bassone.
Consapevoli che il suo è stato uno dei periodi peggiori della storia di questo carcere, ci
auguriamo che la futura direzione ripari, perlomeno, ai danni commessi e che non spe-
culi più sulla pelle dei detenuti e delle loro famiglie.
Come ben sapete il Bassone si trova fuori dalla città, scelta strategica volta a tenerlo
lontano dai nostri occhi, per creare quell'isolamento che è fondamentale per l'esistenza
e il funzionamento del sistema carcerario. I vari direttori di turno contano infatti sull'in-
differenza della cittadinanza per continuare indisturbati a guadagnare sulla pelle dei
detenuti e dei loro familiari.
Noi non ci stiamo! E vorremmo non dover fare l'amara scoperta di essere gli unici.
Questa lettera pertanto si rivolge, con serenità ma senza mezzi termini, a tutte quelle
individualità, realtà, associazioni ecc che non vogliono più far finta di non vedere quel-
lo che accade a due passi da noi, nella penombra di quelle sbarre, e che non accettano
la logica egoistica per la quale la vita dei detenuti non riguarda tutta la società nel senso
più ampio del termine.
Il nostro messaggio è semplice: mobilitiamoci, incontriamoci, cerchiamo un punto di sin-
tesi tra le diverse visioni della questione e tra le varie modalità di lotta. È un impegno
ambizioso, lo sappiamo, ma vogliamo credere, in tutta onestà, di non essere i soli a sen-
tire nostra questa grossa responsabilità. Con spirito di evasione salutiamo,
10 ottobre 2011
Collettivo Dintorni Reattivi
c.p. 86, 22077 Olgiate Comasco (co), dintornireattivi@autistici.org

NOTE SU AMNISTIA E INDULTO
Con queste note vogliamo fare in modo di metterci tutte e tutti, dentro e fuori, nella
condizione di sapere, di capire insieme, a che cosa ci si riferisce quando si parla di amni-
stia e di indulto; di riuscire così a costruire una comunicazione da cui può sorgere
soprattutto la lotta comune per la liberazione generalizzata. Questo l'intento dichiarato.

CHECOS'ÈL'AMNISTIA?
L'amnistia è una causa di estinzione del reato e della pena, e consiste nella rinuncia, da
parte dello Stato, a perseguire determinati reati. Si tratta di un provvedimento genera-
le di clemenza, ispirato, almeno originariamente, a ragioni di opportunità politica e paci-
ficazione sociale ma, a volte, in strumento di periodico sfoltimento delle cause penden-
ti e anche delle carceri.

APPLICAZIONEDELL'AMNISTIANELLALEGISLAZIONEITALIANA
L'amnistia in Italia è prevista dall'art. 79 della Costituzione, e cioè: "L'amnistia e l'indul-
to sono concessi con legge deliberata a maggioranza dei due terzi dei componenti di
ciascuna Camera, in ogni suo articolo e nella votazione finale. La legge che concede
l'amnistia o l'indulto stabilisce il termine per la loro applicazione. In ogni caso l'amnistia
e l'indulto non possono applicarsi ai reati commessi successivamente alla presentazione
del disegno di legge".
E' normata dall'articolo 151 del Codice penale, ossia: "L'amnistia estingue il reato e, se
vi è stata condanna fa cessare l'esecuzione della condanna e le pene accessorie. Nel
concorso di più reati, l'amnistia si applica ai singoli reati per i quali è concessa.
L'estinzione del reato per effetto dell'amnistia è limitata ai reati commessi a tutto il gior-
no precedente la data del decreto, salvo che questo stabilisca la data diversa. L'amnistia
può essere sottoposta a condizioni o ad obblighi. L'amnistia non si applica ai recidivi, nei
casi previsti dai capoversi dell'articolo 99 Codice Penale, né ai delinquenti abituali, o pro-
fessionali o per tendenza, salvo che il decreto disponga diversamente.
L'art.99 è quello della recidiva, dice: "Chi, dopo essere stato condannato per un reato,
ne commette un altro, può essere sottoposto a un aumento fino ad un sesto della pena
da infliggere per il nuovo reato. La pena può essere aumentata fino ad un terzo:
1) se il nuovo reato è della stessa indole (c.p.101);
2) se il nuovo reato è stato commesso nei cinque anni dalla condanna precedente;
3) se il nuovo reato è stato commesso durante o dopo l`esecuzione della pena, ovvero
durante il tempo in cui il condannatosi sottrae volontariamente all`esecuzione della pena.
Qualora concorrano più circostanze fra quelle indicate nei numeri precedenti, l`aumen-
to di pena può essere fino alla metà. Se il recidivo commette un altro reato, l`aumento
della pena, nel caso preveduto dalla prima parte di questo articolo, può essere fino alla
metà e, nei casi preveduti dai nn. l) e 2) del primo capoverso, può essere fino a due
terzi; nel caso preveduto dal n. 3) dello stesso capoverso può essere da un terzo ai due
terzi. In nessun caso l`aumento di pena per effetto della recidiva può superare il cumu-
lo delle pene risultante dalle condanne precedenti alla commissione del nuovo reato".
A partire dal 1992 l'amnistia viene disposta con legge dello Stato, votata a maggioran-
za dei due terzi dei componenti di ciascuna Camera. Precedentemente era prerogativa
del presidente della repubblica. Le figure di reato interessate dall'amnistia vengono di
regola individuate con riferimento al massimo della pena ma possono essere utilizzate
altre modalità: possono essere previste preclusioni oggettive (p.e. rispetto ad alcuni
"reati" - e allora sono "ostative" - nei confronti di chi "promuove associazioni con fina-
lità di terrorismo"(art. 270), "promuove associazioni di stampo mafioso", chi recidivo
infraquinquennale specifico, ecc.)

AMNISTIECONCESSEINITALIANELL'ULTIMOMEZZOSECOLO(ANNO- BENEFICIARI)
1966: reati con pena reclusiva fino a 3 anni
1970: reati in ambito di manifestazioni, e puniti con pena fino a 5 anni
1978: reati con pena reclusiva fino a 3 anni, con eccezioni
1981: reati con pena reclusiva fino a 3 anni, con eccezioni
29
1990: reati con pena reclusiva fino a 4 anni, non finanziari. Rissa senza lesioni, truffa,
violazione di domicilio, violenza a pubblico ufficiale.
A questo punto è già chiaro che dall'amnistia per sua natura sono esclusi determinati
"reati" e determinati "delinquenti"; in breve, essa è parte del sistema della differenzia-
zione, della premiazione su cui ruota tutto il sistema carcere. Che negli ultimi 55 anni di
media non è mai stata superiore a 3 anni e mezzo.

CHE COS'È L'INDULTO?
L'indulto consiste in un provvedimento generale che condona (condonare sta per
"rimettere", "perdonare" e "liberazione" dalla pena in parte o anche totale; puzza di
chiesa, di senso di colpa come un cesso scoperto) con il vincolo fissato in genere nella
legge che lo mette in vigore, che a chi ne usufruisce, a differenza dell'amnistia, se
entro i 5 anni successivi viene condannato ad una nuova pena superiore a 2 anni più
1 giorno, viene negato l'indulto; così dovrà scontare gli anni o mesi rimessigli dall'in-
dulto più la nuova condanna.
L'indulto nell'ordinamento italiano è previsto dall'art. 174 del codice penale, che recita:
"L'indulto o la grazia condona, in tutto o in parte, la pena inflitta, o la commuta in un'al-
tra specie di pena stabilita dalla legge. Non estingue le pene accessorie salvo che il
decreto disponga diversamente, e neppure gli altri effetti penali della condanna. Nel
concorso di più reati, l'indulto si applica una sola volta, dopo cumulate le pene, secon-
do le norme concernenti il concorso dei reati. Si osservano, per l'indulto, le disposizioni
contenute nei tre ultimi capoversi dell'articolo 151" [vedi sopra, lo stesso che si riferisce
all'amnistia].
In senso proprio l'indulto è un provvedimento con il quale il Parlamento condona o com-
muta parte della pena per i reati commessi prima della presentazione del disegno di
legge di indulto. La Costituzione richiede una maggioranza dei due terzi dei componen-
ti di ciascuna Camera, per la sua approvazione. Per l'applicazione dell'indulto è compe-
tente il giudice dell'esecuzione, il quale procede secondo la procedura prevista anche
per l'amnistia. L'indulto è un provvedimento di indulgenza a carattere generale e si dif-
ferenzia dall'amnistia perché si limita a condonare in parte o in tutto la pena principale,
che appunto non viene cancellata ma condonata, o commutata in altra specie di pena
consentita dalla legge e pertanto non estingue (a differenza dell'amnistia) le pene
accessorie (*), salvo che la legge di concessione non disponga diversamente e, a mag-
gior ragione, lascia sussistere gli altri effetti penali della condanna.
[* Le "Pene accessorie" sono previste dall'art. 19 del cp, consistono: nell’interdizione dai
pubblici uffici, nell’interdizione da una professione o da un’arte, nell’interdizione legale,
nell’interdizione, ecc. ecc. interdicendo].

L'INDULTO DEL 2006
Il 29 luglio 2006 il Parlamento ha approvato con un'ampia maggioranza trasversale la
legge 241/2006 che ha introdotto un provvedimento di indulto per i reati commessi fino
al 2 maggio dello stesso anno. In particolare è stato concesso un indulto non superiore
ai tre anni per le pene detentive e fino a 10.000 euro per le pene pecuniarie. Sono stati
esclusi dal beneficio i reati in materia di "terrorismo" (compresa l'associazione eversiva),
strage, banda armata, schiavitù, prostituzione minorile, pedo-pornografia, tratta di per-
sone, violenza sessuale, sequestro di persona; riciclaggio, produzione, traffico e deten-
zione di sostanze stupefacenti, usura e quelli concernenti la mafia. La legge stabilisce
anche che (diversamente dall'amnistia) l'indulto non si applica alle pene accessorie, come
l'interdizione dai pubblici uffici. Il Consiglio superire della magistratura denunciò che il
provvedimento di indulto, azzerando la pena senza estinguere il reato, rende comunque
necessario il completamento dell'iter processuale, distogliendo le risorse degli uffici giu-
diziari da altri processi sui quali non di rado "gravano concreti rischi di prescrizione.

CHE COS'È LA GRAZIA?
La grazia, a differenza dell'amnistia e dell'indulto, è un provvedimento di clemenza indi-
viduale, cioè beneficia soltanto un determinato condannato detenuto o internato, con-
donandogli, con o senza condizioni, la pena principale in tutto o in parte o sostituendo-
la con altra meno grave. In Italia, la grazia viene concessa dal Presidente della
Repubblica (art. 87 comma 11 della Costituzione) con atto controfirmato dal Ministro
della Giustizia (art. 89 della Costituzione). Il procedimento relativo alla concessione della
grazia è disciplinato dall'art. 681 del codice di procedura penale. Insomma, è un arne-
se per soluzioni individuali, non adatto alla lotta contro il carcere che invece richiede una
crescente spinta, entusiasmo, determinazione collettiva.
Milano, settembre 2011

CALIFORNIA: TERZA SETTIMANA DI SCIOPERO DELLA FAME NELLE CARCERI
Lo sciopero della fame nelle carceri di stato californiane, questo lunedì (10 ottobre),
entra nella terza settimana. Il 26 settembre scorso i prigionieri hanno ripreso la prote-
sta contro le intollerabili condizioni esistenti nelle carceri sovraffollate e per l'abolizione
dell'isolamento illimitato.
La protesta è ripartita dopo che le direzioni delle carceri non hanno mantenuto le pro-
messe fatte in luglio, strappate in una settimana di sciopero a cui si erano uniti a rota-
zione ben 12mila prigionieri. Adesso in 1.200 hanno ripreso la protesta.
L'organo responsabile delle carceri nello stato della California - California Department of
Corrections and Rehabilitation (CDCR) - tenta di ridurre, attraverso trucchi, il numero uffi-
ciale di coloro che prendono parte alla protesta; per esempio, ha cancellato dalla lista chi
ha bevuto liquidi loro assolutamente necessari o chi ha assunto compresse mediche
distribuite dall'infermeria. Già dopo i primi dodici giorni tanti prigionieri sono stati colpiti
da momenti di debolezza, svenimento e forti perdite di peso. Un prigioniero nel carcere
Pelican Bay è stato portato di urgenza in una clinica in seguito ad un attacco al cuore.
Nello stesso tempo aumentano le rappresaglie contro chi protesta. Gli avvocati, che
nelle scorse settimane hanno potuto visitare i loro assistiti, informano che nonostante
la temperatura calda, il riscaldamento rimane acceso, una condizione che accelera, unita
allo sciopero della fame, la disidratazione dei prigionieri.
I trascinatori dello sciopero sono stati trasferiti nel braccio di isolamento di Pelican Bay.
L' "esilio" serve anche per interrompere la comunicazione fra i prigionieri, oltre a crea-
re difficoltà con i propri avvocati. Il CDCR accusa i difensori di "mettere in pericolo sicu-
rezza e ordine negli istituti". L'avvocatessa Carol Strickman, una delle esiliate, ha dichia-
rato che crescono le rappresaglie e i tentativi di intimidazione: "Ora i prigionieri vengo-
no apertamente minacciati e i loro contatti con gli avvocati tagliati". E' un modo violen-
to di procedere contro gli scioperanti, per intimorirli. In una lettera al governatore Jerry
Brown gli avvocati chiedono di mettere un freno all'eskalation e lanciano un appello:
"Possiamo e dobbiamo mettere immediatamente fine alla tortura nelle carceri californiane". A questa richiesta si è unita anche Amnesty International.
La direzione del carcere di Corcoran, non perde occasione per mettere in mostra il pro-
prio potere. I prigionieri raccontano che essa li perseguita con misure disciplinari sulla
base dell'idea della "formazione di bande". Così, vengono loro cancellate le ore d'aria,
viene aperta la corrispondenza con gli avvocati, vietata la lettura e consultazione dei
codici, delle leggi (della letteratura giuridica), del cambio degli abiti; vengono minac-
ciati con la sospensione del diritto di colloquio con gli avvocati e i famigliari. "Cercano
di provocare in noi reazioni violente", scrive in una lettera un prigioniero.
I parenti e il movimento di solidarietà chiamano a tenere ogni giovedì, a partire da gio-
vedì 13 ottobre, manifestazioni e veglie. Una prima grossa iniziativa ha avuto luogo già
mercoledì scorso davanti al parlamento di Sacramento (capoluogo della California).
Manuel La Fontaine del Comitato di Solidarietà in proposito sottolinea: "In gioco ci sono
i diritti umani, da qui la repressione per tenere lontano tutte e tutti dalla lotta per affer-
mare le richieste dei prigionieri." Sono arrivati a questa conclusione anche gli "studenti
contro gli arresti in massa" alla Howard University di Washington D.C., i quali stabilisco-
no un rapporto fra gli arresti di massa compiuti dalla polizia nel corso delle iniziative
attuate a New York dal movimento "Occupy Wall Street"(*) e lo sciopero della fame in
California, con cui si dichiarano solidali.
Jürgen Heiser, 10 ottobre 2011
Da www.jungewelt.de/2011/10-10/031.php
(*) E' un movimento apparso nel cuore di New York e Washington, proprio per con-
trapporsi al pugno di persone ricche che lì abitano e trafficano, all'inizio di settembre
2011; è formato soprattutto da giovani lavoratori-lavoratrici, studentesse-studenti senza
reddito e prospettive, immersi invece nella precarietà come altre figure sociali quali i
"veterani", le centinaia di migliaia di persone disoccupate. Man mano che il movimento
cresce, perché questo avviene, i sindaci di diverse città lo criminalizzano, tentano di cac-
ciarlo dai parchi in cui si è attendato; hanno voluto arrestare centinaia di manifestanti.
Anche in quei parchi come nelle carceri della California, comunque, la lotta va avanti.

QUAL È LA VERA VIOLENZA?
Riflessioni sulla mobilitazione del 15 ottobre
In questi mesi abbiamo visto mobilitarsi, contro le politiche di governi, UE, e banche
centrali, tutti quei soggetti sociali ai quali si vuole fa pagare i costi della crisi: noi lavo-
ratori (o studenti-lavoratori) prima dovremmo “pagare il debito”, e poi rinunciare a
buona parte dei nostri diritti, e del nostro salario, per permettere a imprese, banche e
speculatori di tornare a fare profitti.
Di fronte a questo scenario, l’opposizione è ampia e articolata, dalla Grecia, alla Spagna
alla Gran Bretagna, sino a lambire l’altra costa dell’Atlantico. Questo perché ovunque, di
fronte alla crisi, i governi agiscono tutti allo stesso modo: salvano le banche e buttano
a mare i lavoratori.
La grande partecipazione al corteo di Roma ci dimostra quanto ampie siano le contrad-
dizioni sociali e, soprattutto, quanta poca fiducia riponiamo nelle “ricette” dei governi.
Loro, del resto, non sembrano prestare molto ascolto quando protestiamo secondo le
“regole”. Contro la svendita dell’università pubblica per esempio, abbiamo fatto di tutto:
dai cortei, alle lezioni in piazza, a manifestazioni di ogni genere. Ma solo quando la pro-
testa ha assunto un carattere più “incisivo” (cortei selvaggi, blocchi, ecc.) la questione
è uscita con forza. Nonostante tutto, poi, la riforma è comunque passata …
Qual è la violenza legittima?
Noi non accettiamo lezioni di “confronto democratico” dai signori che siedono in parla-
mento e che decidono sulle nostre teste. Nessuno di loro ci ha mai chiesto se ci va bene
essere sfruttati, precari a vita, in un call center, in una cooperativa, o in qualsiasi altro
posto di lavoro. Volutamente, mantengono decine di migliaia di migranti, per i quali non
è possibile ottenere un permesso di soggiorno, in una condizione di totale ricattabilità.
Destinano poi milioni di euro per interventi militari che implicano immani sofferenze per
le popolazioni che li subiscono. Tagliano le risorse per scuole e università, mentre inve-
stono miliardi nelle grandi opere che devastano il territorio (come la TAV).
Questa è la democrazia. Non solo abbiamo una cricca di governanti corrotti che vivono
sulle nostre spalle; ora, distruggono perfino il nostro futuro. E’ questa la legalità che
difendono. E si indignano pure di fronte alla legittima e concreta protesta di coloro che,
nei loro piani, devono soltanto tacere.
Lunedì mattina, dopo il corteo, sono partite in varie città decine di perquisizioni, giusti-
ficate dall’articolo 41 Tulps (testo unico leggi di pubblica sicurezza; un arnese recupera-
to direttamente dal ventennio fascista). Suddetto articolo permette la perquisizione da
parte delle forze di polizia “che abbiano avuto notizia, anche indiziaria, di armi, muni-
zioni o materiali esplodenti in qualsiasi luogo pubblico o privato”. Un modo per “piega-
re” le leggi che loro stessi scrivono qualora non convenga osservare. Non ci sorprende
un tale evento, al contrario lo vediamo come un disperato tentativo di intimidire le
migliaia di persone che hanno occupato piazza San Giovanni ed estraniarle dalle centi-
naia di migliaia che hanno riempito Roma. Il solito trucco del “divide et impera” dal
tempo dei romani alle democrazie odierne resta sempre attuale. Vorrebbero farci crede-
re che si trattò di provocatori o di delinquenti. Ma come scrive una compagna, la quale
citiamo volentieri, “vorrei chiedervi l’umiltà di comprendere che più di 10.000 persone
oggi hanno caricato e controcaricato la polizia, la finanza e i carabinieri… e lo hanno
fatto compatti, spalla a spalla, metro per metro. Come si fa tra compagni, non tra guar-
die o aspiranti tali”.
Continuiamo la lotta contro l’aziendalizzazione dell’università e la precarietà sui luoghi di
lavoro, in totale solidarietà con gli studenti e i lavoratori che ovunque nel mondo si
oppongono alle politiche neoliberiste del governo di turno.
La vera violenza è precarietà, guerra e sfruttamento. Libertà per tutti gli arrestati!
19 ottobre 2011
Assemblea Studenti Scienze Politiche
scienzepolitichemilano@inventati.org

PERQUISIZIONI A PADOVA
Mercoledì 28 settembre, alle 6 del mattino, polizia e digos hanno perquisito le case di quat-
tro compagni del Collettivo Politico Gramigna e la sede dell’Associazione Culturale Nicola
Pasian, sequestrando computer, vestiti, volantini e vari oggetti. I compagni sono stati poi
condotti in questura per foto segnaletiche ed impronte. L’operazione era dovuta, come si
legge nel decreto di perquisizione, a presunte minacce nei confronti del sindaco di Padova
Flavio Zanonato attraverso l’affissione di un manifesto dove “il Tribunale Popolare
Antifascista di Padova” condannava il sindaco a “lavorare per anni 20 in fonderia”.
33
Gli indizi a carico del sindaco erano fondati: concessione di spazi pubblici al partito neo-
fascista Casapound e alla Lega nord, militarizzazione della città, emarginazione degli
immigrati, collusione con la speculazione edilizia cittadina, appoggio alla guerra impe-
rialista in Libia e molti altri capi d’accusa!
Queste pretestuose perquisizioni colpiscono una realtà di compagni che ha sempre
denunciato l’asservimento della giunta padovana e del partito che rappresenta agli inte-
ressi della classe padronale nell’abbandono degli spazi pubblici, nella politica del cemen-
to con le imprese amiche e nella gestione clientelare delle case popolari. Non a caso
quest’attacco è rivolto anche all’attività politica svolta dall’Associazione Culturale Nicola
Pasian nel quartiere dov’è presente e agli abitanti con cui stanno rendendo viva una
zona popolare di Padova, da anni abbandonata al degrado.
Crediamo che quanto avvenuto sia sintomatico della fase che stiamo vivendo, periodo
in cui ogni situazione di lotta autorganizzata che critica la putrefazione di questa classe
dirigente e il loro sistema di produzione, e che può rappresentare un’alternativa e un
punto di riferimento per i lavoratori e i proletari, va colpita duramente. Ne sono un
esempio gli operai denunciati a Roma e quelli manganellati nelle altre città così come gli
attivisti NO TAV arrestati.
Per i padroni come Zanonato lavorare in fonderia per 20 anni è un male ingiusto men-
tre per i proletari condannati dal capitalismo si chiama democrazia, la stessa che condan-
na i popoli a morire sotto le bombe della guerra imperialista in Iraq, Afghanistan e Libia.
Pensiamo che tutto ciò si sia verificato prima della manifestazione del 15 ottobre per cri-
minalizzare e isolare i compagni. Crediamo sia importante partecipare per rilanciare la
lotta e dare un forte segnale a questa classe dirigente che non ha più niente da dare e
a questo sistema corrotto fondato sulla barbarie.
SOLIDARIETA’ AI COMPAGNI PERQUISITI!!!
CONTRO LA REPRESSIONE NON SI TACE, NESSUNA GIUSTIZIA NESSUNA PACE!!!
29 settembre 2011
Collettivo Politico Gramigna

COMUNICATI DAI PROCESSI IN EUSKAL HERRIA
Di seguito due comunicati da Euskal Herria sugli attuali processi contro divers* attivist*
basch*.
COMUNICATO DEI RAGAZZI IN ATTESA DI PROCESSO A IRUÑERRIA
Qualche giorno fa l'avvocato ci ha comunicato che il processo che l'Udienza Nazionale
voleva fare il 4, 5, 6, 17, 18 e 19 ottobre contro gli 11 giovani di Iruñerria è stato posti-
cipato. Alla luce di questa novità, vogliamo sottolineare due cose:
- Da un lato, questo atteggiamento del tribunale ci fa incazzare, dato che ci usa come
fantocci, come fa del resto con tutti i baschi. Con il suo potere violento, un giorno qual-
siasi possono prendere, incomunicare, torturare, incarcerare e giudicare qualunque cit-
tadino per il suo impegno politico. Ieri eri convocato, oggi ti posticipano, domani ti con-
dannano... Noi cittadini non lo possiamo accettare. Siamo lavoratori, non abbiamo sti-
pendi pubblici per poter essere disponibili qualunque giorno; nel caso non si siano
accorti ci tocca guadagnarci da mangiare!
Adesso hanno deciso che non era il momento politico appropriato per questo processo
politico. Ci lasciano in attesa per poter utilizzare il nostro processo quando ne avranno
bisogno. Bisogna inoltre aggiungere che hanno sospeso il processo perchè si sono resi
conto che si devono analizzare le denunce di torture o che non si possono fare proces-
si politici, secondo la costituzione di questa falsa "democrazia". No! Che sia chiaro al tri-
bunale franquista (Audiencia Nacional): ci avrete sotto cauzione, agli arresti domiciliari
o in carcere, ma non ci avrete mai fermi, non smetteremo mai di lottare!
- Dall'altro lato, da parte di tutti i processati, la nostra più forte gratitudine di cuore, a
chi da Iruñerria, Nafarroa, Euskal Herria e da tutte le parti del mondo ci ha fatto arriva-
re la propria solidarietà. Questo è l'esempio, il popolo lavoratore ha mostrato che è
pronto e che sa percorrere il suo cammino. È chiaro che l'attacco a uno è l'attacco a
tutti; abbiamo imparato che la lotta contro un processo, così come la lotta di tutto un
popolo e le sue rivendicazioni sono presenti in tutti i paesi, a San Fermin, nella ribiera
di Nafarroa, nella Sakana, nelle parti di Estella, Baztan... Grazie mille anche a chi anche
da più lontano ci ha fatto arrivare la solidarietà, per unirsi a noi nella lotta, facendo
diventare ancora più potente la nostra rivendicazione.
E allora animo! Forza! Per continuare strada facendo! Fermiamo i processi politici!
Gioventù basca libera e legale ora! L'1 ottobre, tutti a Iruñea!
***

COMUNICATO DEI PORTAVOCE DELLA SINISTRA ABERTZALE
Condannati a 10 anni di carcere (processo Bateragune) per cercare una via d'uscita al
conflitto basco che dura ormai da più di 50 anni nel cuore d'Europa.
Innanzitutto vogliamo trasmettere la nostra gratitudine più forte a tutti quelli che ci hanno
fatto arrivare la loro solidarietà e appoggio, oggi e in queste ultime settimane. Vogliamo
condividere quella solidarietà sia con i prigionieri politici baschi, sia con tutti i rivoluziona-
ri che in altre parti del mondo sono criminalizzati per il loro impegno militante.
Siamo stati incarcerati due anni fa e adesso ci hanno condannato al carcere con delle
grosse pene… Questo dimostra una cosa: che la strategia politica messa in moto due
anni fa non si è fermata. L'obiettivo di queste operazioni di polizia è che Euskal Herria
non conosca la pace e la democrazia. Con le detenzioni di due anni fa cercavano d'im-
pedire che il cambio di strategia nella sinistra abertzale si facesse in maniera coesa e
ordinata. Oggi, con questa dura sentenza, perseguono solo un obiettivo: cercare d'im-
pedire che nelle prossime settimane e mesi facciamo altri passi che siano coerenti con
la nuova strategia adottata che garantiscano il nuovo scenario politico in Euskal Herria,
in forma irreversibile e definitiva. Non sono ci riusciti la prima volta e non permettere-
mo che ci riescano ora.
Abbiamo avuto occasione di trasmettervi, dalle celle della Udienza Nazionale, che
avremmo desiderato offrire un ramo di ulivo al tribunale che ci ha giudicato e condan-
nato; non ci è stato permesso; questo non è altro che una metafora altamente signifi-
cativa dell'obiettivo che perseguono: far cadere questo ramo d'ulivo, recuperare così
scenari di scontro armato, che offrano nuovamente loro il pretesto per nascondere la
loro assoluta debolezza politica e il loro carattere autoritario e reazionario che non offre
al Popolo Basco altra alternativa che non sia la crisi economica, la negazione dei suoi
diritti e la repressione più crudele.
Si!!!! Dobbiamo dirlo chiaro e forte: esistono ancora potenti forze installate nei diversi
ambiti dello Stato che maneggiano un'agenda che ha come unico obiettivo impedire la
pace in Euskal Herria. Ora vogliono farci credere che è la repressione che obbliga la sini-
stra abertzale a fare questi passi mentre noi vogliamo ribadire chiaro e forte che sono
le iniziative unilaterali della sinistra abertzale che obbligano lo stato ad aumentare la
repressione, aumentando il suo discredito di fronte al Popolo Basco e alla comunità
internazionale, mostrando chiaramente il suo carattere autoritario e profondamente rea-
zionario. Gli agenti che maneggiando questa agenda politica della menzogna e della
provocazione cercano di impedire che si materializzino nuovi passi, di carattere definiti-
vo e irreversibile, verso il processo democratico aperto in Euskal Herria. Non ci riusci-
ranno!! Perche sì, signori Lopez, Ares, Rubalcaba… la Pace non viene né verrà in Euskal
Herria dalla mano dell'inesistente Stato di Diritto spagnolo, ma dalla mano di chi riven-
dica il Diritto di essere Stato del Popolo Basco.
Per questo chiamiamo a raccolta tutti quelli che sono a favore del processo democrati-
co basco: portate avanti la strada decisa e eseguite le decisioni e gli impegni - presi con
il nostro popolo e con la comunità internazionale - perché la risposta migliore è portare
avanti la strategia da noi scelta.
Ed infine vogliamo far arrivare i nostri auguri più sentiti al popolo Palestinese per la pro-
posta presentata in modo unilaterale alle Nazione Unite; siamo con voi… Gora palesti-
nar herria!
Inoltre, mentre scriviamo questa lettera, siamo passati dalla prigione di Burgos e ci sono
venuti in mente diversi ricordi: il processo di Burgos (un bacio a Itziar, Arantza, Txutxo,
Julen, un abbraccio grande Jokin!); anche Angel Otaegi, che fecero uscire da quel car-
cere il 27 settembre 1975 per fucilarlo (con Txiki e 3 compagni del FRAP)… quante lotte,
quanta sofferenza… ma andiamo per la buona strada e non dimenticheremo mai quel-
lo che disse il bertsolari a Elgoibar: sorridere è un'altra forma di mostrare i denti!
Sorridete, vinceremo!!!!
***

COMUNICATO SUL PROCESSO "BATERAGUNE"
Apprendiamo che il tribunale spagnolo ha acccettato l'impianto accusatorio del pubbli-
co ministero comminando dagli 8 ai 10 anni di carcere ai compagni del processo
"Bateragune" (Arnaldo Otegi, Rafa Diez, Arkaitz Rodríguez, Miren Zabaleta y Sonia
Jacinto) accusati di appartenere a un "gruppo selezionato tra le fila della sinistra abert-
zale che in pieno accordo e seguendo le superiori direttive di ETA, nella quale di sono
integrati, progettavano una strategia di accumulazione di forze".
Questa stessa motivazione della sentenza dà il segno di quanto la condanna sia basata
su un impianto tutto politico, senza alcuna riscontro oggettivo, perchè naturalmente l'in-
tenzione primaria è quella di colpire quell'avanzato processo di aggregazione popolare
che oggi sta trovando così tanto consenso in tutto il paese basco.
Alla proposta determinata e di massa del popolo basco finalizzata ad una soluzione poli-
tica del conflitto, la risposta del governo spagnolo dell'"illuminato" Zapatero, è la chiu-
sura di ogni confronto e l'accellerazione di una pratica repressiva e di criminalizzazione
che colpisca l'intero movimento Basco.
In questa fase di crisi complessiva delle società capitaliste, la repressione del movimen-
to basco in tutte le sue espressioni politiche sociali e sindacali assume ancora maggior
peso perchè punta a demolire le riposte popolari alle misure neo liberiste per superare
la crisi stessa. Ma la repressione non fermerà le lotte del popolo basco e la nostra soli-
darietà militante. Ci sentiamo vicini ad ogni compagno e compagna colpiti dalla repres-
sione a loro mandiamo il nostro abbraccio solidale! Tanti popoli un'unica lotta...
21 settembre 2011
da www.ehlitalia.com
EHLINFO - Informazione su Paese Basco e solidarietà con Euskal Herria, dai comitati
"Euskal Herriaren Lagunak / Amici e Amiche del Paese Basco".

PAESE BASCO: SGOMBERATO IL C. S. KUKUTZA
Di seguito un resoconto dela vicenda, a cura del CAU, Collettivo Autorganizzato
Universitario di Napoli.
Il 21 settembre a Bilbao è stato sgomberato il Kukutza, storico "Gaztetxeak" (centro
sociale) della città basca. Alle 5 del mattino sono iniziate le operazioni dell'antisommos-
sa che è riuscita ad entrare nell'edificio (guardate il video per vedere i mezzi blindati che
hanno utilizzato) ed a spezzare la resistenza degli occupanti. Diversi arresti sono stati
eseguiti una volta che, verso le 8, gli agenti della Ertzaintza sono riusciti ad arrivare sul
tetto dell'edificio, dove si erano asserragliate alcune decine di militanti.
Il senso dell'operazione sembra ben riassunto in una delle frasi che uno degli agenti
dell'Ertzaintza ha rivolto ad uno degli occupanti: "Etarras (appartenenti all'ETA), voi
avete dichiarato la tregua, ma noi no!"
Nel frattempo centinaia di persone cominciavano ad affollare le strade intorno al
Kukuzta, palesando un legame che il centro sociale è riuscito a creare con il quartiere
nel corso di questi anni. 6 mila metri quadrati. Mensa a prezzi popolari, teatro, scuola
di giocoleria, scuola di danza, biblioteca, sala computer, palestra, sala per le arrampica-
te e altre decine di attività che hanno riempito dal 1998 la vita di Errekalde, il quartie-
re in cui si trova l'ex fabbrica che per 13 anni ha visto l'esperienza del Kukutza. La poli-
zia ha reagito con la violenza che sono soliti utilizzare in Euskal Herria: proiettili di
gomma ad altezza d'uomo e cariche ripetute.
Ma il numero delle persone che hanno manifestato la propria solidarietà con il Kukutza
è continuato ad aumentare: un corteo di migliaia di persone si è disteso per le strade
della città per protestare contro l'azione delle forze repressive dello stato. E anch'esso
è andato incontro alla brutalità della polizia.
Purtroppo la reazione ha vinto questa battaglia. E' iniziata l'opera di distruzione fisica
del Kukutza. Ma una guerra non termina con una sola battaglia.
29 settembre 2011
EHLINFO - Informazione su Paese Basco e solidarietà con Euskal Herria, dai comitati
"Euskal Herriaren Lagunak / Amici e Amiche del Paese Basco" - www.ehlitalia.com


MILANO: LA CASA E' DI CHI LA ABITA
Lunedì 10 Ottobre 2011 intorno alle 13, in via Borsi 10, dei funzionari dell'Aler e delle
pattuglie di polizia intervengono con l'intento di sgomberare un appartamento occupa-
to nei giorni precedenti. Dopo che il giovane occupante invalido ha esibito i documenti
per essere identificato, si è ritrovato ammanettato e picchiato solo per aver rivendicato
con l'occupazione il diritto ad avere una casa (che il più delle volte vengono lasciate
chiuse invece di essere assegnate).
L'intervento degli abitanti del quartiere e del Comitato di Lotta Casa e Territorio ha impe-
dito che l'agire violento di polizia e Aler continuasse a discapito dell'occupante.
Dopo l'arrivo dell'ambulanza, polizia Aler e carabinieri, che nel frattempo erano soprag-
giunti, sono andati via e il giovane ha potuto recarsi al pronto soccorso avendo evidenti segni di percosse. Viene dimesso con 10 giorni di prognosi.
Ancora una volta ci troviamo davanti alla prepotenza dell'Aler che invece di migliorare la
vivibilità dei quartieri popolari, lascia alloggi sfitti, lamierati, affitti sempre più alti, priva-
tizza i servizi aumentandone le spese. Ancora una volta, l'Aler, con il pretesto della "lega-
lità" agisce con prepotenza e violenza verso i più "deboli". Dov'è la "legalità" di chi con-
sapevolmente lascia alloggi vuoti a favore di affaristi e palazzinari, privatizzando un bene
comune come quello della casa?
Qual'è la "legalità" di chi in divisa entra in una casa ammanettando e picchiando chi la
abita? La vostra "legalità" è violenza, quella violenza che nega diritti e libertà.
La nostra "legalità" significa continuare la lotta dal basso, attraverso la solidarietà atti-
va, per l'acquisizione di un diritto come quello della casa, con ogni mezzo necessario.
LA VOSTRA VIOLENZA NON FERMERA' LA LOTTA PER LA CASA
BASTA SFRATTI - CONTRO IL CARO AFFITTI - SANATORIA SUBITO
Domenica 23 ottobre 2011 - ore 17: assemblea per il diritto alla casa.
Tutti i martedì sportello legale casa ore 18 - 19:30
Comitato di lotta casa e territorio
Via Torricelli, 19 - Milano (cortile interno)

CORTEMAGGIORE (PC): GLI OPERAI VINCONO UNA BATTAGLIA
Dopo cinque giorni di picchetto permanente alla Ceva di Cortemaggiore, la situazione si
è finalmente sbloccata a favore degli operai che hanno rifiutato prima i turni di riposo
forzati (e non retribuiti) e poi la Cassa Integrazione (di cui l'azienda si rifiutava di inte-
grare la perdita salariale che ne sarebbe derivata). Questa mattina, a fronte di una set-
tantina di operai in picchetto, sostenuti oltre che dal SI.Cobas anche dalle federazioni
del Prc di Piacenza e Cremona, le forze dell'ordine di zona hanno mobilitato le loro forze
(tutta la direzione di Digos e questura, oltre a 3 cellulari e un paio di macchine, fra poli-
zia e carabinieri). A capeggiare la delegazione, il questore in persona che, con fare suf-
ficientemente arrogante e minaccioso, intimava lo sgombero del picchetto, per lasciar
passare i camion e gli operai (solo quelli decisi dall'azienda, ovviamente), in cambio di
un incontro in provincia per le 12 di oggi stesso.
Dopo alcune convulse fasi, animate da assemblee, comizi, slogan, trattative e, soprat-
tutto, provocazioni poliziesche (cancellazione del materiale fotografico registrato, per-
quisizioni, identificazioni) la determinazione dei lavoratori si è condensata in un paio di
cordoni ed un sit-in di fronte al gazebo situato davanti ai cancelli, avanzando, momen-
taneamente, la proposta di una semplice "trasformazione del picchetto in un presidio,
ma solo a condizione che tutti i lavoratori dello stabilimento entrino a lavorare".
E così alla fine è stato, facendo saltare per la seconda volta la logica dei turni di riposo,
ovvero della riduzione dell'orario e del salario a fronte di un presunto calo di lavoro (sap-
piamo degli spostamenti di merce altrove) e di un'ancor più presunta crisi (nessuno della
cordata LG-Ceva-CAL, ha presentato finora bilanci economici che la motivassero).
Si torna a lavorare, dunque. Ma solo per il momento, vale la pena aggiungere. Già!
Perchè il fantomatico incontro delle 12 in realtà era una bufala. Ciò che c'è sul tappeto
è solo un tentativo di intermediazione della provincia per arrivare ad un prossimo incon-
tro fra le parti e cercare di giungere ad un accordo.
Nel frattempo è stato chiarito tramite altoparlante e davanti ai rappresentanti dello stato
(in divisa) e dell'azienda che ogni prossimo tentativo di applicazione di turni di riposo
(coperti o meno dalla CIG), produrranno nuovi blocchi il cui meccanismo è ormai roda-
to e pare funzionare.
D'altra parte è anche vero che le forze dell'ordine hanno mostrato, al pari dei padroni,
un certo nervosismo di fronte ad una mobilitazione operaia che, a più riprese, li ha tenu-
ti sotto scacco, mentre il SI.Cobas allarga progressivamente il suo consenso fra i lavo-
ratori dello stabilimento. C'è quindi da aspettarsi nuove fiammate, tanto nell'immediato
(se l'azienda non andrà incontro alle richieste degli operai e non si assumerà i costi del
suo calo produttivo) tanto in un futuro prossimo (verso la data del 31/12/2011, quan-
do scadranno gli appalti tra il CAL e Ceva e, allo stesso tempo, fra LG e Ceva). Fiammate
che ci dovranno vedere ancor più attenti e concentrati nel far convergere tutte le forze
disponibili del sindacato per dare pieno appoggio ad una lotta che, come sempre, non
riguarda solo i suoi principali protagonisti.
Intanto gli operai possono in qualche modo assaporare il gusto di una vittoria (seppur
parziale e momentanea) e rilanciare a tutti l'idea-forza che solo la lotta permette di
avanzare nell'organizzazione indipendente e dal basso per potersi difendere meglio
(oggi) e pensare ad una seria controffensiva (speriamo non troppo in là).
Segue il comunicato fatto dal S.I. Cobas.
***

Dopo il ritorno al lavoro alla Ceva di Cortemaggiore, la provincia di Piacenza, mediatri-
ce di turno, ha convocato un tavolo di trattativa per mercoledì alle ore 14 presso l'uffi-
cio per l'impiego di Piacenza. Come S.I. Cobas manteniamo ferme le nostre posizioni:
l'unico accordo possibile non deve prevedere alcuna riduzione di salario per gli operai.
In altri termini, la loro crisi, vera o presunta che sia, non la paghiamo noi. Ripetiamo
quindi che le soluzioni possibili sono solo tre:
1) Blocco degli straordinari e dell'utilizzo di manodopera esterna, garantendo ai 48 ope-
rai di Ceva le 8 ore giornaliere previste dal contratto.
2) Cassa integrazione in deroga, con turni di riposo che non superino una settimana al
mese per ogni operaio e con l'integrazione del salario perduto a carico dell'azienda.
3) Trasferimento temporaneo, con turni a rotazione e spese di viaggio a carico dell’a-
zienda, degli operai dichiarati in eccesso, presso altri stabilimenti gestiti dalla cordata
Ceva-CAL.
Detto questo, ci pare doveroso aggiungere alcune considerazioni "a margine".
Per dovere di cronaca va ricordato che la Ceva Logistica si è servita per diversi anni della
Morgan, il cui principale dirigente, Fumagalli, è finito in manette per truffa e concussio-
ne insieme all'allora dirigente dell'Ufficio Provinciale del Lavoro Filosa, e con il coinvolgi-
mento del segretario CISL Salerno. Ci pare quindi vergognoso che, di fronte alla sacro-
santa protesta degli operai, i Confederali non trovino di meglio che... schierarsi con l'a-
zienda. Tra appelli alla ragionevolezza degli operai, che con gli scioperi metterebbero a
rischio l'azienda, a chi arriva a invocare l'intervento delle forze dell'ordine per ripristinare
la legalità, passando per chi si rifugia nella rivendicazione del regolamento per l'applica-
zione della CIG, siamo stati testimoni oculari della loro opera di costante crumiraggio cul-
minata, mentre era in corso il picchetto, in una discussione con l'azienda sulle tabelle di
produttività minime da imporre agli operai per fronteggiare le difficoltà dell'azienda.
Se non fossimo abituati a tali meschinità, se non infamie, ci sarebbe da gridare allo
scandalo. Ma così non è; questo è il normale operato di chi è passato, armi e bagagli,
con i padroni, abbandonando i lavoratori al loro destino di operai schiavizzati.
Per fortuna la maggioranza dei nuovi schiavi ha deciso, a Cortemaggiore come altrove,
di alzare la testa, mettendo a nudo il re e la sua infame politica.
Sappiamo cioè che dietro la rigidità aziendale (disposta a rischiare il loro principale clien-
te come l'LG, pur di non cedere alla richiesta degli operai autorganizzati) c'è una que-
stione prettamente politica: vogliono liquidare lo stabilimento perchè troppo sindacaliz-
zato e quindi ostacolo per i piani di rilancio della cordata padronale che lo gestisce.
Gli operai di Cortemaggiore lo hanno ben capito e, con i fatti, hanno dimostrato di esse-
re l'unica reale alternativa ad un sistema di sfruttamento e corruzione che dilaga e che
sta portando l'intero paese (e non solo) sull'orlo del tracollo economico, per non parla-
re del livello morale.
Avranno un bel da fare costoro (e le istituzioni statali che li difendono) per cercare di
dimostrare che gli operai sono criminali perchè bloccano dei camion e un'esigua mino-
ranza di crumiri legati a doppio filo con le mafie padronali oppure schiacciati dal ricatto
del permesso di soggiorno. La festa per loro è finita. Ma non andranno in pace.
Mercoledì la loro ultima via d'uscita per salvare un briciolo di dignità, se gliene è rima-
sto. Ma è più che lecito dubitarne.
26 settembre 2011
S.I. Cobas - Piacenza

ESSELUNGA BIANDRATE (NO): PER I LAVORATORI SALUTE CORTA!
Il profitto ad ogni costo non fa sconti a nessuno; nè ai consumatori che dagli scaffali dei
supermercati restituiscono con gli interessi quanto guadagnano, in maggioranza lavora-
tori che nella crisi pagano con stipendi sempre più bassi e tasse sempre più alte, (l’ul-
tima finanziaria sottrarrà dalle tasche dei lavoratori in Italia, di qualsiasi colore, circa
1.500 euro all’anno solo di iva in più), nè alle migliaia di lavoratori che nei depositi
Esselunga, Bennet, Auchan e Ipercop, sgobbano di notte e di giorno per assicurare gua-
dagni sempre in aumento ai Caprotti di tutta la grande distribuzione e alle decine di pre-
sidenti delle cooperative, soci onorari e responsabili di ogni tipo.
Un esercito di operai, inquadrato e controllato in modo militaresco e repressivo, che
oltre a pagare la crisi con quanto avete appena letto, devono piegare le loro schiene a
ritmi di lavoro sempre in aumento; non serve essere giovani o meno giovani, la quanti-
tà di colli da spostare ogni ora, in alcuni casi, non deve essere inferiore ai 300 all’ora,
e aumentare secondo i bisogni dei consumatori.
Soldi e potere che si devono accumulare senza sosta da una parte; umiliazione, sotto-
salario e malattie professionali per le centinaia di lavoratori pachistani, indiani, filippini,
ucraini, arabi ed italiani, gli unici posti di riguardo vengono riservati ai sindacalisti acco-
modanti, e ai lavoratori che si prestano ad esercitare il controllo politico sui propri com-
pagni di classe.
Le lotte che i lavoratori di questo settore stanno conducendo non devono servire solo
ad ottenere la paga contrattuale, ma a proporre delle rivendicazioni salariali oltre la con-
certazione sindacale sempre pronta a “comprendere” i bisogni aziendali e a sottoscrive-
re accordi che non intaccano i profitti dei padroni.
Anche la lotta iniziata nel deposito Esselunga di Biandrate (Novara) ha evidenziato le
problematiche urgenti e salariali dei lavoratori che chiedono: il recupero dei soldi degli
sgravi fiscali sugli straordinari, in modo da non farne beneficiare i padroni della coope-
rativa, come è successo per la Coopital e la Gamma Service ecc., che con la trasferta
esente non hanno restituito ai lavoratori queste spettanze.
Una piattaforma rivendicativa aziendale che porti in tasca ai soci lavoratori di tutte le
cooperative presenti, soldi veri che recuperino la perdita del potere d’acquisto, e gli
aumenti non siano come quelli del CCNL figli della concertazione e del collaborazioni-
smo sindacale.
Creare condizioni di lavoro che mettano al primo posto la sicurezza e la salute dei lavora-
tori, con ritmi di lavoro umani, rispetto delle persone, cancellando per sempre le umilia-
zioni a cui sono sottoposti tutti, il richiamo con il fischio come si fa con i cani, la caccia-
ta dopo solo una ora dal posto di lavoro a secondo dell’umore del capo squadra o per
reprimere chi si iscrive al sindacato di base, le offese le minacce per chi non piega la testa.
Decine di cooperative che si alternano e si integrano nei depositi del trasporto e della
distribuzione merci, con retribuzioni e trattamenti diversi, per evitare che i lavoratori si
uniscano e creino seri problemi alla società committente; l’importanza di mescolare gli
uomini e i trattamenti per confondere tutti, l’ha ricordato Primo Levi in “Se Questo è un
Uomo”, oggi nelle moderne democrazie e civiltà del benessere e della libertà si usano
ancora sistemi e comportamenti che la storia ha condannato senza appello.
I padroni del consorzio Safra delle cooperative Asso e SGI, l’Apollo; l’Alma Group delle
coop. Gamma Service, poi della Sintesi coop, della Rapida, della Saga, della Coopital,
e della Long Service, tutte presenti nel deposito Esselunga di Biandrate, sono benefat-
tori il 50% dei guadagni che realizzano i circa 1.500 lavoratori presenti, servono per
comprare Mercedes di lusso e ville al mare o in montagna, oltre a profumati stipendi per
decine di dirigenti che controllano tutte queste aziende.
Dobbiamo collegare la battaglia che conducono questi lavoratori alla classe operaia ita-
lana, oggi più che mai serve che i proletari di tutti i paesi si uniscano perche le forme
di divisione stanno pasando attraverso il ritorno a mentalità razziste, nazionaliste e
discriminatorie.
La lotta di questi lavoratori per la libertà e la dignità deve inorgoglire anche coloro che
conoscono i supermercati solo quando vanno a fare la spesa, perchè i prodotti arrivano
sugli scaffali a prezzo di sacrifici e dove migliaia di operai giovani e meno giovani si con-
sumano con il rischio di non percepire neanche la pensione e di finire senza lavoro, una
volta che le condizioni di salute, grazie alle malattie professionali, non consentono più
il loro impiego con profitto.
Riprendere le iniziative di lotta è necessario per rivendicare il diritto alla salute e il dirit-
to ad una retribuzione al passo coi tempi, lavorando per unire tutti i lavoratori del depo-
sito di Biandrate, per creare un comitato di lotta di tutte le cooperative presenti in col-
legamento con i depositi sparsi nel Nord Italia, in modo da scongiurare appalti al ribas-
so, ed infine costringere i committenti ad assumere direttamente i lavoratori delle spe-
dizioni e dei trasporti.
ABOLIAMO LA MODERNA SCHIAVITU', BASTA CON IL CAPORALATO !!
11 ottobre 2011
SLAI COBAS coop. ASSO, SGI, Coopital, Biandrate e Origgio

SCIOPERO AL CENTRO LOGISTICO DELLA ESSELUNGA DI PIOLTELLO (MI)
Venerdì 7 ottobre, presso i magazzini della ESSELUNGA di Pioltello, gli operai delle
cooperative del consorzio SAFRA (Apollo, Asso e Servizi Generali Italia) hanno sciopera-
to concentrandosi davanti alla porta del reparto drogheria. Sfidando il colosso Esselunga
di padron Bernardo Caprotti, che tradizionalmente tende ad escludere qualsiasi relazione sindacale con i lavoratori impiegati nei suoi magazzini e supermercati dove vige un
vero e proprio regime da caserma, gli operai sono pienamente consapevoli di aver intra-
preso una dura battaglia.
Circa quindici anni fa, infatti, la lotta che si era sviluppata presso gli stessi magazzini da
parte di circa 80 lavoratori, in maggioranza asiatici, fu stroncata dai licenziamenti.
Nonostante queste difficoltà un nucleo di lavoratori oggi presenti nel sito ha deciso di
aprire un nuovo percorso di lotta.
Lo sciopero, partito alle 17.00 e terminato alle 04.00 di oggi, ha coinvolto gli operai del
turno pomeridiano e serale e ha prodotto un significativo ritardo nello stoccaggio e nella
movimentazione delle merci. Gli oltre 120 operai immigrati scesi in sciopero contro i
licenziamenti politici (una richiesta è il rientro di Worynwon Ezekil) e l'arbitrio dei capo-
rali, per migliori condizioni di lavoro e salariali e per difendere l'agibilità sindacale che il
consorzio e la committenza vorrebbero loro negare, hanno ricevuto il sostegno di una
sessantina di operai di altre cooperative, giunti dalla Fiege Borruso di Brembio, dalla
TNT di Piacenza, dalla PAM di Trezzano, dalla Ortofin di Trezzano e Liscate, dalla Ceva
di Corte Maggiore, dalla Star di Agrate, dalla GLS di Cerro al Lambro e del coordinamen-
to milanese di sostegno alle lotte delle cooperative.
Contrastato dall'arrivo massiccio di carabinieri e forze di polizia in assetto antisommos-
sa (sempre pronti ad intervenire nei confronti degli operai in lotta e sordi e ciechi din-
nanzi agli abusi padronali e all'infiltrazione e gestione mafiosa delle cooperative), lo scio-
pero con picchetto è stato il passaggio conseguente al rifiuto delle cooperative del con-
sorzio di non riconoscere la sindacalizzazione degli operai ed aprire un tavolo per discu-
tere le rivendicazioni contenute nella piattaforma sindacale.
Contrastare il sindacato significa non soltanto negare le rivendicazioni economiche ma
la possibilità che i lavoratori della logistica alzino la testa. Come un delegato afferma in
una dichiarazione rilasciata a IL GIORNO sabato 8 ottobre, «Noi con questo sciopero
chiediamo innanzitutto la dignità del lavoratore in azienda. Noi qui siamo trattati come
animali, sfruttati e anche ricattati. Veniamo lasciati a casa tre giorni su sei per riposo,
ma senza giustificazioni. Lo fanno per tenerci buoni e per farci capire che non dobbia-
mo alzare troppo la testa, altrimenti veniamo licenziati».
Nell'assemblea che ha concluso lo sciopero che, secondo l'azienda ha causato un danno
economico di «50mila euro per ogni mezz'ora di blocco» gli operai hanno deciso il man-
tenimento dello stato di agitazione, la preparazione di nuove azioni di lotta, sin quan-
do non riceveranno dei segnali soddisfacenti dalla controparte, e di rispondere con scio-
peri immediati nel caso si verificassero rappresaglie anche contro un solo lavoratore.
Milano, 8 ottobre 2011
Sindacato Intercategoriale COBAS, Esselunga di Pioltello
***

LETTERA APERTA AI LAVORATORI DEL CONSORZIO SAFRA
- Basta con turni incontrollati e definiti a piacimento dei caporali!
- Basta coi carichi di lavoro insopportabili imposti col ricatto
- Basta con l’autoritarismo dei responsabili interni
- Pieno riconoscimento del sindacato dei lavoratori
Questi sono gli obiettivi su cui è stato organizzato lo sciopero del 7 ottobre ai magazzi-
ni Esselunga di Pioltello durato tutta la notte e che evidentemente ha inciso sul porta-
foglio dei padroni (Il quotidiano “il giorno” riporta che i danni ammontano a circa
60.000€ ogni mezz’ora) ma che soprattutto ha visto oltre 100 operai determinati nel
volerla fare finita con il potere aziendale e di poter incidere sull’organizzazione del lavo-
ro imposta da Caprotti & co.
Per questo il consorzio SAFRA ha reagito allo sciopero con una ritorsione (del tutto ille-
gale!!) nel momento in cui ha deciso di sospendere senza motivazione né documenti
scritti quegli operai che si erano presi la responsabilità di organizzare l’inizio della bat-
taglia. Una reazione tanto infame quanto debole politicamente perché mette in luce
tutta la loro paura di fronte alla lotta e all’organizzazione degli operai
L’obiettivo è evidente: intimorirci, eliminare alla radice le basi del sindacato, dividere i
lavoratori e quindi liquidare ogni forma di opposizione al regime schiavistico di lavoro
con cui Caprotti fanni i miliardi sulla pelle dei lavoratori.
Ma noi non ci faremo intimorire, né dividere, né tantomeno intendiamo rinunciare a por-
tare avanti la battaglia appena cominciata per i nostri diritti e per migliorare le nostre
condizioni di lavoro e di vita. Una battaglia che è nell’interesse di tutti i lavoratori, così
come è interesse di tutti, unirsi per respingere le ritorsioni e imporre il rientro immedia-
to degli operai sospesi senza motivo.
Caprotti, Longo, DeSiena… siete avvisati!
La lotta continuerà e si farà sentire ancora più forte!
11 ottobre 2011
I delegati e gli operai del S.I. Cobas

I DRONI DI MARCHIONNE
L'uscita della Fiat da Confindustria conferma fin nei dettagli la contraddizione tra inte-
ressi delle grandi multinazionali e imprese “nazionali”, per quanto export oriented.
Il punto su cui si è verificata la “rottura” non poteva essere più esplicito: per Marchionne
l'art. 8 della manovra – che prevede la possibilità di derogare a contratti e leggi, quindi
la totale e incontrattabile libertà di licenziare - è l'unica garanzia del comando assoluto
sulla forza lavoro. E quindi è la condizione più volte posta - con i referendum di
Pomigliano, Mirafiori e Grugliasco – per rimanere in Italia.
Per Confindustria - che ha ratificato l'accordo del 28 giugno con Cgil, Cisl e Uil – vanno bene
entrambe le cose: l'art. 8 in casi estremi, la “concertazione” con gli unici sindacati ricono-
sciuti a prescindere come titolari della rappresentanza in tutte le situazioni “gestibili”.
Si nota qui una preoccupazione che Fiat urla di non avere più: il problema della “coesio-
ne sociale”, della governabilità di un paese guidato sulla via dell'impoverimento a tappe
forzate. Alla multinazionale basta uno sguardo dall'alto: se gli piacciono determinate
regole sociali, bene, altrimenti si va altrove. Per la Marcegaglia e persino Bombassei, un
qualche filo di mediazione molto oculata e da posizioni di forza è comunque bene tener-
lo; le loro imprese come la stragrande maggioranza delle grandi, medie o piccole – stan-
no qui e non possono trasferirsi altrove. Condividono naturalmente l'esigenza di compri-
mere il costo del lavoro, abbattere il salario e azzerare le tutele legali dei lavoratori, ma
hanno paura di sbagliare i passaggi e ritrovarsi con un paese inselvatichito, con una con-
flittualità anomala quanto a forme o prevedibilità.
Il “manifesto di Confindustria” è un concentrato di questi interessi, di questo tipo di
imprese. Combacia perfettamente con l'impianto della “lettera della Bce”, permette a un
Della Valle di sbraitare un “basta” degno più di Masaniello che non di un “principe del
lusso”, aprendo la volata per la discesa in campo politico del suo socio in affari, Luca Cordero di Montezemolo.
Questa borghesia “nazionale per debolezza strutturale” non è “progressista”. Il suo pro-
gramma coincide al millimetro con quello di Marchionne. Ma si distingue per le modali-
tà di raggiungimento degli obiettivi. Dobbiamo dire grazie alla Marcegaglia per essere
stata così sincera: ci vuole un “lubrificante” per far passare certe “riforme”. Qui i sinda-
cati “complici” sono chiamati a dare il meglio di sé, in quanto a “scorrevolezza”. Tenendo
buoni i lavoratori, buttando fumo negli occhi ai precari, tamponando alla meglio l'incaz-
zatura dei pensionandi (e dei pensionati, se si dovesse arrivare a “misure greche” come
la riduzione d'autorità degli assegni).
Alla Fiat americana tutto ciò non interessa. E' “politica”, e se ne ritrae annoiata. Quel
che accade nella società non è affar suo. Il “modello Marchionne” ha introiettato il prin-
cipio basilare della “guerra civile globale” innescata dalla crisi. E che fa di qualsiasi socie-
tà un insieme informe senza struttura e corpi sociali intermedi. Governabile anche a
distanza e dall'alto.
Basta avere droni a sufficienza.
04 ottobre 2011
da www.contropiano.org